Il Galaxy Fold, lo smartphone pieghevole di Samsung, sarà in vendita in Europa dal 3 maggio. Chi lo desidera potrà prenotarlo a partire dal 26 aprile prossimo. Per averlo bisognerà sborsare 2.000 euro, una cifra ampiamente preannunciata e, seppur alta, inferiore a quella richiesta per Mate X di Huawei, l’altro pieghevole di fascia alta che sarà venduto a 2.299 euro.

In questo momento non è possibile fare un acquisto del tutto consapevole, perché il produttore sud coreano non ha mai pubblicato integralmente i dati tecnici. A più di un mese dall’annuncio ufficiale, il prodotto mantiene attorno a sé quell’alone di “mistero” che l’ha sempre contraddistinto, e che non è necessariamente positivo. I primi acquirenti potrebbero essere spinti più dalla curiosità e dal design inedito che da solide informazioni tecniche.

A questo si aggiunge il fatto che gran parte dei giornalisti che era all’evento di presentazione non ha potuto mettere mano sul prodotto per verificarne qualità e funzioni. L’idea dello smartphone pieghevole senza dubbio è affascinante. Quand’è completamente aperto il Galaxy Fold è una sorta di tablet, con schermo Infinity Flex da 7,3 pollici realizzato con tecnologia Dynamic AMOLED. Piegandolo in due si ottiene uno smartphone con schermo da 4,6 pollici a 1.280 × 720 pixel. La rivoluzione del prodotto è dettata sia dal fatto che lo schermo è pieghevole, sia perché piegando lo schermo i contenuti adattano automaticamente la risoluzione.

Senza dubbio l’arrivo in commercio di questo prodotto segna l’alba di una nuova era per i dispositivi mobili. Tecnologie inedite di cui non conosciamo stabilità e affidabilità nel tempo, e i cui vantaggi non possono essere dati per scontati a priori: vanno verificati con l’uso quotidiano. Per chi non può togliersi lo sfizio di acquistare “al buio” un prodotto da 2.000 euro, meglio aspettare le recensioni indipendenti e le valutazioni sul medio periodo.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’Intelligenza Artificiale riduce i ritardi nelle consegne delle merci, i corrieri saranno più efficienti

next
Articolo Successivo

Apple TV+, News+ e Apple Card, tutte le novità dell’evento Showtime

next