Il Galaxy Fold, lo smartphone pieghevole di Samsung, sarà in vendita in Europa dal 3 maggio. Chi lo desidera potrà prenotarlo a partire dal 26 aprile prossimo. Per averlo bisognerà sborsare 2.000 euro, una cifra ampiamente preannunciata e, seppur alta, inferiore a quella richiesta per Mate X di Huawei, l’altro pieghevole di fascia alta che sarà venduto a 2.299 euro.

In questo momento non è possibile fare un acquisto del tutto consapevole, perché il produttore sud coreano non ha mai pubblicato integralmente i dati tecnici. A più di un mese dall’annuncio ufficiale, il prodotto mantiene attorno a sé quell’alone di “mistero” che l’ha sempre contraddistinto, e che non è necessariamente positivo. I primi acquirenti potrebbero essere spinti più dalla curiosità e dal design inedito che da solide informazioni tecniche.

A questo si aggiunge il fatto che gran parte dei giornalisti che era all’evento di presentazione non ha potuto mettere mano sul prodotto per verificarne qualità e funzioni. L’idea dello smartphone pieghevole senza dubbio è affascinante. Quand’è completamente aperto il Galaxy Fold è una sorta di tablet, con schermo Infinity Flex da 7,3 pollici realizzato con tecnologia Dynamic AMOLED. Piegandolo in due si ottiene uno smartphone con schermo da 4,6 pollici a 1.280 × 720 pixel. La rivoluzione del prodotto è dettata sia dal fatto che lo schermo è pieghevole, sia perché piegando lo schermo i contenuti adattano automaticamente la risoluzione.

Senza dubbio l’arrivo in commercio di questo prodotto segna l’alba di una nuova era per i dispositivi mobili. Tecnologie inedite di cui non conosciamo stabilità e affidabilità nel tempo, e i cui vantaggi non possono essere dati per scontati a priori: vanno verificati con l’uso quotidiano. Per chi non può togliersi lo sfizio di acquistare “al buio” un prodotto da 2.000 euro, meglio aspettare le recensioni indipendenti e le valutazioni sul medio periodo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

L’Intelligenza Artificiale riduce i ritardi nelle consegne delle merci, i corrieri saranno più efficienti

prev
Articolo Successivo

Apple TV+, News+ e Apple Card, tutte le novità dell’evento Showtime

next