L’Intelligenza Artificiale può migliorare radicalmente l’efficienza dei tempi di consegna delle merci. Molti sono portati a pensare che, nel campo della logistica, a far perdere tempo agli autisti sia solo il traffico. In realtà non è proprio così. A dimostrarlo è l’esperienza di Wise Systems, startup con sede a Cambridge, Massachusetts. Ha sviluppato un software per la gestione delle spedizioni, grazie a un finanziamento di Gradient Ventures, il fondo di Google focalizzato sull’Intelligenza Artificiale.

La particolarità del software realizzato da Wyse Systems è che si basa sull’Intelligenza Artificiale e sul machine learning, quel meccanismo che permette a una macchina intelligente di migliorare le proprie capacità e prestazioni nel tempo, “apprendendo” dagli errori e lavorando per obiettivi. Questo software raccoglie e analizza dati, monitora in tempo reale i percorsi e rileva i ritardi giornalieri. Man mano che apprende, modifica i percorsi e l’ordine delle consegne per ottenere maggiore efficienza. Con il giusto addestramento, è riuscito a ridurre i ritardi nelle consegne fino all’85%.

Foto: Depositphotos

 

Il software ha “scoperto” che il problema maggiore dei corrieri non è l’intera strada da percorrere, ma gli ultimi 100 metri che li separano dalla destinazione. Per la mancanza di aree di sosta o parcheggi, per l’attesa alle banchine di carico, per l’indisponibilità della merce o del cliente, eccetera. Il software “ha capito” che questi tempi variano molto a seconda dell’ora del giorno, del cliente specifico, della merce da consegnare. Dopo avere individuato questi schemi e cambiato i programmi, l’azienda è stata in grado di ridurre i tempi e i costi di consegna, risparmiando anche sui chilometri percorsi.

Oltre alle informazioni indicate, il software tiene conto anche delle condizioni meteo, degli orari di pausa degli uffici (durante i quali non ci sono prese e consegne), e di una serie di informazioni che nel complesso hanno contribuito a tagliare notevolmente i ritardi. Per una persona tenere sempre conto di tutti gli elementi è difficile, l’Intelligenza Artificiale ha dimostrato di essere sufficientemente versatile da saperlo fare bene.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

I robot possono riparare gli ecosistemi danneggiati, lo dimostra un esperimento unico nella storia

next
Articolo Successivo

Samsung Galaxy Fold in prenotazione in Europa dal 26 marzo, consegne dal 3 maggio. Costa 2.000 euro

next