Tra non molto sarà possibile fare rifornimento self service anche di gas metano. Un provvedimento molto atteso da chi possiede auto con questa alimentazione alternativa (e rispettosa dell’ambiente, aggiungiamo), che così avrà la possibilità di fare il pieno anche autonomamente durante le ore notturne, ad esempio. Basterà accreditarsi a un data base online, dove gli utenti potranno registrarsi dopo aver seguito un tutorial riguardante le varie fasi di effettuazione del rifornimento: un passaggio fondamentale, questo, per la sicurezza.
La novità sarà resa possibile da un decreto che modifica il testo della norma attualmente in vigore riguardo alla distribuzione del gas naturale, decreto che è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 20 marzo 2019 e dunque farà entrare in vigore la nuova norma dopo un mese dalla data di pubblicazione. Federmetano, per bocca del suo presidente Lucia Balboni, ha così commentato: “abbiamo lavorato attivamente affinché la possibilità di rifornirsi autonomamente divenisse una realtà. La rete distributiva vanta attualmente poco più di 1300 punti vendita, di cui 47 autostradali. Ricordiamo che tale novità rappresenta una possibilità di vendita e non un obbligo di legge per chi esercisce le stazioni di vendita carburanti, saranno i consumatori a determinare lo sviluppo di questa nuova opportunità”. Tra le altre cose, questo provvedimento dovrebbe rendere l’opzione metano più attraente anche per chi gestisce e utilizza il noleggio a lungo termine e le flotte aziendali.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Toyota Lunar Rover Concept, un’elettrica fuel cell per esplorare la Luna – FOTO e VIDEO

next
Articolo Successivo

Tesla Model Y, prezzi a partire da 57 mila euro. Ma arriva solo tra 2 anni – FOTO

next