L’Italia è l’unico Paese dell’Eurozona ad avere bisogno di un avanzo fiscale primario, cioè di una differenza positiva tra spesa pubblica ed entrate al netto degli interessi sul debito, “per stabilizzare o ridurre il rapporto tra debito pubblico e Pil“. Questo perché il differenziale fra tasso di interesse e tasso di crescita è positivo. E’ quanto emerge dal bollettino mensile della Bce. L’istituto guidato da Mario Draghi ricorda infatti come, “secondo le previsioni dell’autunno 2018 della Commissione europea, nel 2017 tutti i Paesi dell’area dell’euro, a eccezione dell’Italia, abbiano registrato differenziali tra tasso di interesse e tasso di crescita negativi”.

Sebbene le proiezioni prevedano “un aumento del differenziale in 12 Paesi dell’area entro il 2020, questo valore dovrebbe rimanere in territorio negativo per tutti i Paesi, a eccezione dell’Italia” e da qui la necessità di un avanzo primario perché, come ricordano ancora da Francoforte, “se il differenziale fra tasso di interesse e tasso di crescita è strettamente positivo, è necessario un avanzo fiscale primario per stabilizzare o ridurre il rapporto debito pubblico/Pil”. Infatti la variazione del debito pubblico da un anno all’altro “è data dagli interessi pagati a fronte dell’indebitamento accumulato, dal disavanzo primario (spesa in eccesso rispetto alle entrate, al netto del pagamento degli interessi) e da altri fattori (raccordi disavanzo-debito). In rapporto al Pil, la variazione del debito è quindi determinata principalmente dal saldo primario e dalla differenza fra il tasso di interesse e il tasso di crescita”.

La Commissione Ue, ricorda la Bce, “ritiene che i rischi per la sostenibilità delle finanze pubbliche e la situazione di sostanziale stallo e arretramento sul fronte delle riforme stiano mettendo in ombra i progressi compiuti negli anni precedenti. Inoltre nella valutazione di quest’anno la Commissione ha modificato la classificazione di due paesi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Crescita, Fitch taglia le stime per l’Italia a +0,1% nel 2019. Investimenti in progresso solo dello 0,6%

next
Articolo Successivo

Banca Etruria, Cassazione conferma le multe a Boschi, Nataloni e Orlandi

next