Netto taglio delle stime di crescita dell’economia italiana nel 2019 da parte dell’agenzia Fitch. Nell’aggornamento del ‘Global Outlook’ la stima di progresso del pil è stata ridotta +0,1%. A dicembre la previsione era del +1,1%, limata a 0,3% a metà febbraio. A motivare la sforbiciata è il deterioramento delle prospettive per export e investimenti. Inoltre, aggiunge Fitch, per il 2020 le stime sono di una ‘modesta’ ripresa a +0,5%. L’Italia è, dopo la Turchia, il secondo Paese nella lista di quelli la cui previsione di crescita è stata maggiormente rivista al ribasso.

Fitch è anche “significativamente più pessimista sulla prospettiva di crescita degli investimenti in Italia”, con la spesa in conto capitale “attesa in crescita solo dello 0,6% contro il 2,1% di dicembre”.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nuova Via della Seta, la Cassa depositi e prestiti lancerà “Panda bond” per finanziare aziende italiane in Cina

next
Articolo Successivo

Bce, “Italia unico Paese dell’Eurozona che ha bisogno di un avanzo primario per stabilizzare o ridurre il debito/pil”

next