Netto taglio delle stime di crescita dell’economia italiana nel 2019 da parte dell’agenzia Fitch. Nell’aggornamento del ‘Global Outlook’ la stima di progresso del pil è stata ridotta +0,1%. A dicembre la previsione era del +1,1%, limata a 0,3% a metà febbraio. A motivare la sforbiciata è il deterioramento delle prospettive per export e investimenti. Inoltre, aggiunge Fitch, per il 2020 le stime sono di una ‘modesta’ ripresa a +0,5%. L’Italia è, dopo la Turchia, il secondo Paese nella lista di quelli la cui previsione di crescita è stata maggiormente rivista al ribasso.

Fitch è anche “significativamente più pessimista sulla prospettiva di crescita degli investimenti in Italia”, con la spesa in conto capitale “attesa in crescita solo dello 0,6% contro il 2,1% di dicembre”.