Quello della Ethiopian Airlines è il secondo incidente per un Boeing 737 Max in meno di un anno. Il 29 ottobre era accaduto ad un velivolo (Max 8) della Lion Air in Indonesia, con 189 persone a bordo. Anche in quel caso, un aereo nuovo, usato solo per un paio di mesi, caduto dopo 13 minuti. Cinque minuti di volo in più rispetto a quello della compagnia di Addis Abeba, precipitato con a bordo 157 passeggeri e consegnato alla compagnia a metà novembre. Era l’ultima versione del celebre 737 lanciato nel 1969 dal costruttore Usa. È entrato in servizio nel 2017 con quattro varianti (Max 7, Max 8, Max 9 e Max 10), che possono trasportare tra 138 e 204 passeggeri e sono disegnati per voli di corto e medio raggio. Il 737 Max è il velivolo venduto più velocemente della storia di Boeing e ha raccolto oltre 4.700 ordini da oltre 100 compagnie nel mondo.

Secondo quanto risulta ai servizi della Commissione Ue sono 55, secondo una prima verifica, i Boeing 737 Max attualmente utilizzati da 12 compagnie aeree di 10 Paesi aderenti all’Unione europea. I funzionari dell’Easa, l’Agenzia Ue per la sicurezza aerea che sta monitorando la situazione dopo l’incidente all’aeromobile in servizio presso l’Ethiopian Airline, sono in costante contatto con i servizi della Federal Aviation Administration statunitense (Faa), ai quali spetta in primis il controllo sugli aeromobili prodotti dalla Boeing.

Tra i clienti del 737 Max, ci sono l’italiana Air Italy, che ha 3 B737 Max8 in flotta in leasing: nel piano industriale presentato un anno fa era stato annunciato l’ingresso di 20 aerei di questo tipo entro il 2022. Nessun aereo di questo tipo, invece, figura nella flotta di Alitalia. La low cost inglese Ryanair, sarà invece la prima compagnia ad operare il 737 Max 200, una variante del 737 Max 8: l’aviolinea ha in flotta 400 Boeing 737-800, con ordini per 115 nuovi Boeing 737 e 110 nuovi B737 Max 200ß(e opzioni per altri 100).

In Europa figurano tra i clienti della famiglia ‘Max’ il gruppo Tui, che ha lanciato il suo primo 737 Max8 nel gennaio 2018, Norwegian, Turkish Airlines. Tra gli altri maggiori clienti, United, American, Air Canada e Malaysia Airlines. Il cliente che ne ha ordinati di più è la low cost americana Southwest Airlines (230, di cui 23 consegnati), seguita da Flydubai (251), Lion Air (201) e la compagnia di leasing Gecas (175).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Aereo caduto ad Addis Abeba, tre Paesi bloccano l’uso dei Boeing 737 Max. Azienda: “No indicazioni a operatori”

next