Ubriaco al volante di un autocarro, ha cercato di scappare a un controllo della Polizia locale, andando a tutta velocità fuori strada proprio nel centro di Marostica (Vicenza). Nella corsa il mezzo ha travolto una famigliola seduta in un parco, sbalzando dal passeggino un piccolo di 14 mesi, che ora è ricoverato in gravissime condizioni. Molti passanti  hanno testimoniato di aver visto il conducente del mezzo uscire in evidente stato di ubriachezza. Forse proprio per questo l’autista ha accelerato per sfuggire a un controllo.

Il piccolo era nel passeggino, insieme alla madre che gli stava dando del gelato. Un altro fratellino di 4 anni, si trovava poco lontano assieme al padre. Stavano seduti sul limitare di un’area verde pubblica, separata da un muretto in cemento rialzato che dà su una curva. Proprio in quel punto, all’improvviso, è sbucato il camion, ormai senza controllo e a folle velocità, che ha invaso la curva ed è andato a sbattere violentemente contro il muretto, esattamente dove si trovavala famiglia. La madre è stata colpita di striscio rimediando qualche lesione. Ma il bambino è stato sbalzato dal passeggino a causa dell’urto ed è volato a terra. Illesi il papà e l’altro figlio di 4 anni.

Sono scattati immediatamente i soccorsi, subito sul luogo, assieme ai Vigili del Fuoco, è giunto da Padova l’elisoccorso del 118, che ha caricato il piccolo e lo ha trasportato d’urgenza all’ospedale San Bortolo di Vicenza, dove è in prognosi riservata. Il conducente del mezzo, che trasportava alcuni bancali in legno, secondo i testimoni ha dapprima cercato di rimettere in moto e di fare retromarcia, ma non riuscendoci è uscito dalla cabina di guida e ha cercato di scappare a piedi. Le sue condizioni di alterazione evidentemente, però, non gli hanno permesso di fare molta strada, tanto che stato fermato e portato alla vicina caserma dei Carabinieri.

L’intervento dei militari ha evitato che l’uomo venisse linciato dai passanti che si sono messi al suo inseguimento; anche il padre del piccolo, ripresosi dallo choc, si è avventato a pugni contro il camion e contro l’investitore. Il conducente dell’autocarro, secondo il Corriere del Veneto, sarebbe un artigiano di Thiene (Vicenza), ora è a disposizione del pm di turno Barbara De Munari.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Benevento, denuncia e fa arrestare compagno che tentò di strangolarla davanti al figlio

prev
Articolo Successivo

Femminicidio per “tempesta emotiva”, l’uomo condannato tenta il suicidio

next