La Viareggio Cup senza Viareggio. Sarà, infatti, lo stadio Picco di La Spezia la sede principale della 71a edizione dello storico torneo di calcio giovanile, che prenderà il via lunedì 11 marzo con la sfida tra Inter (campione in carica) e i portoghesi dello Sporting Braga alle ore 14. Lo stadio ligure ospiterà, quindi, anche la finale del torneo di mercoledì 27 marzo. Come riferisce La Nazione, la drastica decisione è arrivata a causa della perdurante inagibilità dello Stadio dei Pini di Viareggio, chiuso dallo scorso 30 giugno 2018 per motivi di sicurezza riguardanti, sopratutto, la gradinata e la tribuna. Realizzati dal Comune per ottenere una riapertura temporanea in vista dell’evento, i lavori fin qui sostenuti non hanno però superato l’esame della Commissione di vigilanza della scorsa settimana.

“Viareggio perde una grande occasione. La Viareggio Cup va via e chissà se mai ritornerà nella sua sede naturale”. Si esprime così il presidente della squadra di Hockey CGC Viareggio (società organizzatrice della Viareggio Cup) Alessandro Palagi tramite una nota diffusa sul sito ufficiale della manifestazione. “Ci dispiace osservare – continua – che nonostante l’impegno dell’amministrazione comunale non sia stato possibile trovare una soluzione per non mettere alla porta il torneo giovanile di Viareggio nell’anno in cui ha ottenuto il riconoscimento ufficiale con convenzione firmata con la Presidenza del Consiglio dei Ministri”. “È una decisione – conclude Palagi – che prendiamo ovviamente a malincuore ma non era più procrastinabile anche perché i tempi tecnici incalzano, per poter essere in grado di dare il via alla manifestazione”.

“Avevamo fatto di tutto – commenta invece il sindaco di Viareggio Giorgio Del Ghingaro – per far disputare il torneo a Viareggio e far terminare il campionato di Serie D anche alla squadra locale nell’anno del centenario, evitando di emigrare. Invece ci siamo trovati di fronte a questi problemi che speravamo di risolvere”. Prima di oggi, era successo solo un’altra volta che lo stadio di Viareggio perdesse il suo torneo. Se oggi a sostituirlo sarà la struttura di La Spezia, esattamente sessant’anni fa (nell’edizione del 1959) fu l’Arena Garibaldi di Pisa a prendere il posto del Dei Pini, allora sottoposto a lavori di ampliamento. Riconosciuto come uno dei tornei giovanile più prestigiosi al mondo, la Viareggio Cup (ex Coppa Carnevale) ha visto esibirsi alcuni tra i migliori calciatori italiani e internazionali, come Roberto Baggio, Gabriel Omar Batistuta, Paolo Maldini, Alessandro Costacurta e Dino Zoff.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Roma, un’altra rivoluzione: dopo Di Francesco saluta anche il ds Monchi

prev
Articolo Successivo

Foggia Calcio, la squadra perde con il Lecce: bomba carta sull’auto dei proprietari, incendiato suv dell’attaccante

next