Non ci sono state le code previste davanti agli uffici postali genovesi, dove a partire da questa mattina, come nel resto d’Italia, è possibile presentare le richieste per il reddito di cittadinanza. Se è possibile richiedere autonomamente online, attraverso il sito dell’Inps, la card di integrazione al reddito, moltissimi di genovesi in queste settimane hanno preferito prendere appuntamento presso i Caf, mentre le Poste, da circa un mese, hanno affisso locandine in tutti gli uffici per scaglionare la raccolta delle domande in base all’alfabeto: oggi si parte con i cognomi che iniziano per ‘A’ e ‘B’, domani tocca alla ‘C’, e così via sino al 13 marzo, anche se le domande presentate in un giorno diverso da quello previsto verranno comunque accettate. Si stima che gli aventi diritto in Liguria possano essere oltre 70 mila, ma tra le persone incontrate nella (breve) coda per richiedere il reddito prevale quella dose di scetticismo e ‘mugugno’ tipicamente genovese: “Proviamo anche questa – si sfoga un disoccupato di lungo corso – ma regna la disorganizzazione, non hanno i moduli e il timore è che alla fine non ci arrivi nulla”.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Baby gang a Milano, 9 arresti e 5 fermi per rapine e lesioni. Il gip: “Grande pericolosità sociale, violenza da branco”

prev
Articolo Successivo

Reddito di cittadinanza, Tridico: “Misura che il paese aspettava da tempo. Dati Ocse? Miglioramento nel secondo semestre”

next