Due persone indagate per violenza sessuale nei confronti di Pamela Mastropietro. È la novità emersa durante la seconda udienza in Corte d’Assise del processo a carico di Innocent Oseghale, accusato di avere ucciso la ragazza e di averne fatto a pezzi il corpo. Presso la Procura della Repubblica di Macerata, infatti, è pendente una querela contro i due automobilisti incontrati da Pamela Mastropietro dopo che si era allontanata dalla comunità Pars il 29 gennaio: per entrambi l’accusa è di violenza sessuale nei confronti di una persona in stato di incapacità mentale. Lo ha reso noto il pm Stefania Ciccioli durante l’udienza odierna. Il primo incontrò Pamela subito dopo l’uscita dalla comunità di Corridonia e l’accompagnò alla stazione ferroviaria di Piediripa, con il secondo la 18enne romana trascorse la notte e si fece lasciare la mattina del 30 gennaio alla stazione ferroviaria di Macerata. Secondo il legale della famiglia e zio della ragazza Marco Verni, il reato è comunque perseguibile d’ufficio.

“Oggi abbiamo appreso che due persone, che Pamela ha incontrato, sono state iscritte nel registro delle notizie di reato per violenza sessuale” ha commentato l’avvocato Verni. La novità è arrivata dopo il deposito della consulenza firmata dalla criminologa Roberta Bruzzone, consulente della difesa, “in cui si mette nero su bianco che Pamela era in stato di minorata difesa e chiunque poteva accorgersene”, ha riferito il legale. “Noi partiamo dal fatto che Pamela era in stato di minorata difesa già al momento del suo allontanamento dalla comunità” e “anche per lo stato di bisogno” in cui versava, ha sottolineato Verni. “Secondo noi – ha concluso l’avvocato e zio di Pamela – c’è stato qualcuno che se ne è approfittato”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cagli, per carnevale va in scena Space Jam: la schiacciata finale però non è esattamente da Michael Jordan

prev
Articolo Successivo

Palermo, furti in casa durante matrimoni e funerali: Carabinieri arrestano violenta banda di ladri. Ecco come agivano

next