I fantasmi del passato tornano in galera. Con loro in manette anche un ex deputato regionale accusato di associazione mafiosa: si tratta di Paolo Ruggirello ed era uno degli esponenti di punta del Pd di Matteo Renzi in provincia di Trapani. Ora è accusato di associazione mafiosa. Dove la mafia aveva creato perfino una nuova cellula. Si trovava a Favignana, isola turistica dell’arcipelago delle Egadi. Lì i fratelli Francesco e Pietro Virga – figli di Vincenzo Virga, boss di Trapani che è in carcere dal 2001, quando fu arrestato da latitante – avevano allungato i loro tentacoli. Sull’isola avevano rilevato il Grand Hotel Florio, prestigiosa struttura con un ampio ristorante, ora sotto sequestro. Anche loro sono finiti tra i 25 arrestati nel blitz dei carabinieri nel trapanese, la terra del superlatitante Matteo Messina Denaro.

L’indagine è coordinata dalla Dda di Palermo, del procuratore capo Francesco Lo Voi, dall’aggiunto Paolo Guido e dai sostituti Gianluca De Leo e Claudio Camilleri e riguarda le famiglie mafiose di Trapani, Paceco, Marsala e Favignana. I fratelli Virga erano riconosciuti come i capi del mandamento di Trapani dal tessuto imprenditoriale, dalle altre famiglie mafiose e dalla politica locale. Secondo le indagini avrebbero fornito ampio sostegno elettorale a Paolo Ruggirello, ex deputato regionale del Pd non rieletto alle ultime elezioni. Si era anche candidato al Senato, senza successo, alle politiche. In precedenza, invece, era stato consigliere regionale con il Movimento per l’autonomia di Raffaele Lombardo, e poi tra i fondatori di Articolo 4, una lista di centro poi annesa nel Pd dai renziani. Il politico oggi è finito in manette per associazione mafiosa e gli episodi contestati si riferiscono ad almeno due campagne elettorali, in cui avrebbe offerto favori, assunzioni ma soprattutto soldi. Nell’indagine è coinvolto anche un altro politico.

Sono 33 in totale persone indagate e il lavoro degli investigatori ha ricostruito gli interessi sia dell’ex deputato all’Ars. A partire dai legami di Ruggirello con Lillo Giambalvo, il consigliere comunale di Castelvetrano prima arrestato nell’operazione Eden, poi scarcerato e assolto dall’accusa di mafia ma adesso sotto processo per estorsione. Ruggirello ne fu lo sponsor politico; Giambalvo non era un consigliere qualsiasi: fu intercettato, infatti, mentre esprimeva la sua ammirazione per Matteo Messina Denaro; il suo caso fece scalpore e mosse un movimento che nel marzo 2016 portò un gran numero di consiglieri – 27 su 30 – a dimettersi e al conseguente scioglimento nonché commissariamento del consiglio comunale.

Spicca anche il nome di Bice Ruggirello, sorella di Paolo, candidata alle elezioni politiche del 2013 con il Mir (Movimento Italiani in Rivoluzione). C’è un intercettazione in cui un politico di Castelvetrano dice a Giambalvo di farsi dare “mille euro” dalla donna. Tra gli arrestati Ivana Inferrera, 56 anni, ex assessore del Comune di Trapani. E tra gli indagati un collaboratore di Ruggirello.

Secondo l’inchiesta, i Virga si muovevano come imprenditori – entrambi gestivano dei negozi – ma oltre a raccogliere i voti i due sono accusati anche di estorsione. Pietro Virga è noto come “il coccodrillo” per l’arroganza con cui chiedeva i soldi alle sue vittime. Fu lui a occuparsi della Calcestruzzi Ericina dopo l’arresto del padre. Francesco Virga, invece, per la prima volta fu arrestato nel blitz “Rino 2” e venne condannato a nove anni per mafia. Tra gli arrestati c’è anche Francesco Orlando, 53 enne ex consigliere comunale del Psi, già condannato a 8 anni per mafia e segretario particolare del politico Bartolo Pellegrino, già vicepresidente della Regione di Totò Cuffaro. Adesso Orlando gestiva l’”Efri Bar”, in uno dei salotti periferici della città. Di lui parlò il collaboratore di giustizia Lorenzo Cimarosa, morto nel gennaio 2018 per cause naturali. “E’ chiddo du bar”, disse. Cioè “quello del bar”. “A Trapani chi comanda?” chiedeva il pm. “Da quello che ho sentito dire, Franco Orlando”, rispondeva, aggiungendo che glielo aveva riferito Francesco Guttadauro. Cioè il nipote prediletto di Messina Denaro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Caro Salvini, chi ha testimoniato contro le mafie viene preso a calci dallo Stato

prev
Articolo Successivo

Paolo Ruggirello, il gip sul politico Pd arrestato: ‘Piena disponibilità con i clan’. Lo Voi: ‘Era il ponte tra mafia e istituzioni’

next