Da Milano a Dubai un aereo impiega circa sei ore ma c’è n’è uno, quello partito dal capoluogo lombardo il 4 febbraio 2001 che continua a volare senza sosta atterrando, vincendo e ripartendo, ogni volta, dopo oltre 18 anni di successi.

Questi sono diventati 100 e a coglierli è stato Roger Federer, che ha sconfitto in finale il giovane talento Tsitsipas. L’obiettivo era nel mirino dallo scorso ottobre, dopo il nono successo nel torneo di casa, a Basilea. Cento tornei vinti in singolare sono una cifra straordinaria considerandone anche la qualità e il livello. I 109 titoli di Jimmy Connors, l’unico a stargli numericamente davanti diventano il prossimo obiettivo del campione svizzero e il sogno impossibile dei suoi tifosi. Considerando il ritmo di successi degli ultimi due anni Roger dovrebbe continuare oltre le Olimpiadi del 2020. Le vittorie sono state sette nel 2017 e quattro nel 2018 mentre questa di Dubai è la prima del 2019.

Riavvolgendo il nastro di questo “centenario” tennistico spiccano i 20 titoli Slam (8 Wimbledon, 6 Australian Open, 5 Us Open e un Roland Garros).

Sono 19 gli Stati in cui lo svizzero ha piantato la racchetta, un vero “giro del mondo” tennistico. Sorprendono più delle vittorie le assenze: in Sud America e a Montecarlo. In Italia ha vinto ma mai a Roma dove ha perso quattro finali e dove forse mai vincerà, anche quest’anno pare non parteciperà.

Tornando al record dei 109 tornei di Connors mi sovviene un sogno nel sogno, Federer quasi 40enne che parteciperà anche ai tornei minori, il re che si avvicina al popolo del tennis per siglare l’ennesimo record.

Lunga vita al re ma se gli dovesse mancare l’ultimo gradino gli ricordo che anche a Caltanissetta c’è un torneo Atp. Con uno come lui non è vietato sognare.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ferrari, paura per Sebastian Vettel: il pilota va a sbattere durante i test di Formula 1. Il momento dell’incidente

prev
Articolo Successivo

Roger Federer sempre più nella storia: vince a Dubai il 100esimo titolo in carriera. Meglio di lui solo Jimmy Connors

next