Il Tesoro ha assegnato in asta tutti i 6 miliardi di euro di Btp a 5 e 10 anni ma con tassi in rialzo. Sulla scadenza a 5 anni il tasso è salito all’1,59% dall’1,49% di gennaio mentre su quella a 10 anni è cresciuto al 2,81% dal 2,6%. La domanda per i titoli a cinque anni è stata pari a 1,46 volte l’importo offerto, in rialzo da 1,33 precedente mentre per i decennali è stata di 1,31 volte rispetto a 1,36 dell’asta di gennaio. Venduti anche 1,25 miliardi di euro di Ccteu ad un tasso dell’1,83%.

Martedì erano stati venduti 6 miliardi di Bot a sei mesi con i tassi in lieve rialzo rispetto al collocamento di fine gennaio. In particolare, via XX settembre ha pagato per il titolo agosto 2019 un rendimento dello 0,007%, in salita di 2 centesimi di punto. La domanda è stata di 9,9 miliardi, pari a 1,65 volte l’offerta.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Crescita, Istat: “A febbraio cala l’indice di fiducia dei consumatori e delle imprese”

prev
Articolo Successivo

Carige, il piano dei commissari: aumento di capitale da 630 milioni e 1.050 esuberi

next