Nessun ritardo: l’Inps è pronto per iniziare, dal prossimo 6 marzo, a ricevere le domande per il reddito di cittadinanza. Ad assicurarlo, lunedì sera, è stato l’istituto di previdenza, smentendo che la mancata pubblicazione dell’apposito modulo (atteso entro il 28 febbraio) possa aprire la strada a ritardi nell’iter. Ma secondo Il Sole 24 Ore c’è uno scoglio che rischia di paralizzare le attività dell’ente: non i presunti problemi legati agli stipendi di Pasquale Tridico, scelto come commissario e futuro presidente, e del suo vice Francesco Verbaro. Verbaro, ex segretario generale del ministero del Lavoro e consigliere giuridico del ministro Maurizio Sacconi, è incompatibile con la carica.

Il quotidiano di Confindustria spiega che il “vincolo di inconferibilità d’incarico” deriva dal decreto legislativo 165/2001 (articolo 53) secondo cui “non possono essere conferiti incarichi di direzione di strutture deputate alla gestione del personale a soggetti che rivestano o abbiano rivestito negli ultimi due anni cariche in partiti politici o in organizzazioni sindacali o che abbiano avuto negli ultimi due anni rapporti continuativi di collaborazione o di consulenza con le predette organizzazioni. E Verbaro “ha avuto e ha ancora rapporti, tra gli altri, con Formatemp“, Fondo bilaterale per la formazione e il sostegno al reddito dei lavoratori in somministrazione governato da Assolavoro, Assosom e sindacati, “Adepp, diverse casse previdenziali privatizzate e Assolavoro“.

Il governo starebbe studiando una deroga da inserire attraverso un emendamento al decretone, da lunedì in discussione in aula al Senato. Il voto finale è previsto per domani. Ma in quel caso la norma non sarebbe in vigore prima della fine di marzo, con la conversione in legge del testo, e nel frattempo l’Inps rimarrebbe senza un rappresentante con potere di firma. “Sul decreto Inps c’è l’accordo politico. Io l’ho firmato, aspettiamo la firma del Mef”, ha detto il ministro Luigi Di Maio rispondendo alle domande dei giornalisti in conferenza stampa alla Camera.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Euro, studio tedesco: “La Germania ci ha guadagnato più di tutti. Per gli italiani perdita di 73mila euro pro capite”

prev
Articolo Successivo

Reddito di cittadinanza, Gdf: “In Sicilia controlli su chi ha cambiato residenza e sulle separazioni sospette”

next