È stato raggiunto da due colpi di pistola alla testa, tra collo e spalla, mentre entrava in un cantiere a Basiglio, alle porte di Milano. Dopo alcune ore di agonia, per l’uomo – un imprenditore milanese – non c’è stato più niente da fare.

È morto così Giuseppe Giuliani, 64 anni, titolare di una ditta di costruzioni, vittima di un agguato avvenuto nella cascina Vione, a Basiglio, in provincia di Milano. I proiettili, secondo le prime analisi, provenivano da un’arma di piccolo calibro.

Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, Giuliani è arrivato al cantiere attorno alle 7,30, a bordo del suo furgone, un Fiat Doblò bianco. Sembra stesse parlando al telefono, forse con un operaio, quando scendendo dalla macchina per aprire il cancello è stato aggredito con diversi colpi di arma da fuoco.

È stato un suo dipendente, che si trovava in un magazzino adiacente alla cascina, a dare l’allarme. Sentiti i colpi l’operaio ha raggiunto l’imprenditore, chiamando immediatamente i soccorsi. Trasportato in gravissime condizioni alla clinica Humanitas di Rozzano, il 64enne è morto poco essere arrivato nella struttura.

Ancora da capire il movente dell’aggressione. Il 64enne, sposato e padre di due figlie, era già noto alle forze dell’ordine. Aveva precedenti per associazione a delinquere a scopo di ricettazione per fatti risalenti a metà degli Anni Novanta.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Guerrina Piscaglia, la Cassazione conferma la condanna a 25 anni per padre Graziano

prev
Articolo Successivo

Rozzano, due uomini si costituiscono per l’omicidio del 63enne: “Abusava di una bambina”

next