Dopo l’inchiesta de “L’Espresso” su incontri in Russia tra uomini vicini a Matteo Salvini, in cui si sarebbero creati canali per possibili finanziamenti fiscali alla Lega, ilfattoquotidiano.it ha chiesto a Matteo Salvini se vuole prendere l’impegno di dichiarare, prima delle Europee, tutti i finanziamenti che arriveranno direttamente al partito e ad associazioni e fondazioni vicine alla Lega. E se s’impegna a rifiutare finanziamenti provenienti da soggetti russi o da soggetti registrati in paradisi fiscali, di difficile individuazione. “Alla Lega non è arrivato nulla e non arriverà nulla. Non ci sono soldi in Lussemburgo, Svizzera, Cayman. Nnon ci sono barili di petrolio in casa mia, non ci sono rubli, dollari o yen, non c’è nulla non di nulla” ha risposto il leader del Carroccio, in un crescendo di tensione (“lei per quale giornale lavora?!”) evitando però di impegnarsi pubblicamente trasparenza sui fondi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Elezioni Sardegna, Salvini: “Nessun flop della Lega, mi accontento della sesta vittoria contro la sinistra”

next
Articolo Successivo

Inail, la nuova norma taglia i costi dei premi annuali da pagare all’Istituto. Ma riduce al minimo i risarcimenti

next