Torna sulla piattaforma Loft, il secondo episodio di Kape To Cape, l’avventura di due amici, Reza Pakravan e Steven Pawley, che, in bicicletta si sono prefissati di arrivare da Capo Nord in Norvegia fino a Cape Town in Sudafrica in 100 giorni per ottenere il Guinness World Record. Nel primo episodio, dopo aver attraversato Norvegia e Finlandia, i due si erano separati in Russia: pomo della discordia, l’attraversamento del Daghestan, Repubblica della Federazione russa coinvolta nei fermenti fondamentalistici islamici che hanno trovato la loro principale base nella confinante Cecenia. Mentre Reza è convinto di poterla attraversare senza pericolo, Steven preferisce fare un altro percorso in treno con la promessa di rivedersi a Baku, capitale dell’Azerbaigian. “Questo posto è desolato, non c’è niente, niente di niente”, dice Reza appena giunto in Daghestan. Decide di pedalare giorno e notte, tenendo un basso profilo per non attirare attenzione. “Il mio dispositivo di comunicazione non funziona quindi sono praticamente isolato dal campo base e dal resto del mondo. Non so dove incontrerò Steve, non so come faremo”, racconta Reza dopo la prima notte passata in Daghestan, ma il giorno seguente prosegue il suo viaggio con l’intento di attraversare la regione il più velocemente possibile. Al 26° giorno Reza oltrepassa il confine con l’Azerbaigian e, in un ristorante alla periferia di Baku incontra di nuovo il suo amico Steven: direzione Astana e poi Iran.

“Il punto non è fare il record, ma ciò che si vive e si impara, le persone che si incontrano e quello che si prova – ammette Reza – Sono sempre stato curioso rispetto a quello che non conosco e l’ovvio mi ha sempre annoiato. Ho chiuso con la carriera in ufficio e non tornerò indietro”. Di nuovo, però, Reza e Steven si trovano in disaccordo: mentre Steven teme di attraversare l’Egitto, ritenuto zona pericolosa dal governo britannico, Reza vuole andare avanti. Finalmente dopo giorni durissimi di pedalate sotto la pioggia arrivano a Shiraz dove un volo deve portarli a Il Cairo. Steven accetta di partire con l’amico e decidere, poi, nella Capitale egiziana cosa fare. L’obiettivo è attraversare l’Egitto in sei giorni per poter prendere il traghetto per il Sudan. Il traghetto parte una sola volta a settimana dal porto di Aswan. Il tempo è contato, ma gli imprevisti sono dietro ogni angolo. Dalle manifestazioni politiche che intasano le strade, ai mezzi militari che le bloccano, fino alla polizia che ferma i due ciclisti per identificarli. Dopo aver dormito comodamente in una chiesa, possono ripartire, ma la polizia li scorterà tutto il giorno facendo perdere loro molto tempo prezioso. E proprio quando la polizia li lascerà proseguire da soli, si troveranno nella situazione più delicata mai affrontata finora.

Kapp To Cape (4 episodi x 25 minuti) è disponibile in abbonamento su sito e app di Loft.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Balle Spaziali, Travaglio smonta 3 fake news: è vero che contro i Renzi si è scatenata la ‘giustizia a orologeria’?

prev
Articolo Successivo

Eretici, su Loft il programma di Montanari sui “sovversivi” del pensiero: “Socrate il primo esempio della storia”

next