Il mio post della scorsa settimana sul panettiere che non trova apprendisti disposti a lavorare di notte a 1400€ al mese è andato forte: migliaia di condivisioni sui social, una menzione in tv e un dibattito molto acceso sull’opportunità o la necessità di accettare o meno un lavoro ben pagato anche se le condizioni sono – a essere generosi- non proprio ottimali.

Vorrei tornare per un attimo sugli argomenti di chi sostiene la necessità assoluta e non negoziabile di accettare qualunque offerta pur di arrivare a fine mese; “in periodo di crisi si accetta qualunque cosa” oppure “il lavoro c’è ma i giovani preferiscono stare in poltrona o andare in discoteca” sono i commenti più gettonati. Ognuno conservi (come è giusto che sia) le sue opinioni, ma un elemento sembra sia sfuggito tanto ai commentatori della rete quanto a quelli in tv: possibile che della terza via, l’esodo verso l’estero, ci accorgiamo solo noi che non viviamo più in Italia? Possibile che nei ragionamenti solenni e calvinisti pronunciati da mezza Italia sulla religiosa necessità dell’altra mezza di accettare qualunque lavoro senza fiatare – perché le briciole sono sempre meglio di niente e se le frantumi sembrano di più – nessuno parli di quanti scelgono quella terza via e cioè l’emigrazione?

Gli italiani sono abituati ad accettare qualunque cosa, abituati a sbraitare per poi adeguarsi, ma sono abituati anche a emigrare. Chi può (e anche chi non potrebbe), cervello o meno, fa le valigie e va altrove; soprattutto le due fasce più colpite dallo psicotico sistema Italia e cioè chi ha qualifiche e chi non ne ha.

Così se per i panettieri oggi è difficile trovare un italiano disposto a lavorare sei notti su sette per 1400€, tra non molto sarà una missione impossibile. A quel punto, gli imprenditori potranno fare caroselli in tv, editorialisti e politici potranno dare fondo a tutto il repertorio di satira su chi piange miseria ma “non accetta qualunque cosa” ma se ad essere competitivi non saranno anche i salari proposti, per non chiudere il lavoro dovranno farlo gli imprenditori stessi. 

D’altronde non prendiamoci in giro: l’Italia è in crisi almeno da un paio di generazioni e trovare lavoro è stata sempre una lotteria. La crisi, nel nostro Paese, poi, è la condizione strutturale di una nazione occidentale benestante costruita su disuguaglianze sudamericane e votata al darwinismo sociale; quello italiano, insomma, non è un malanno passeggero.

Oggi partire per destinazioni vicine (e lontane) è semplice ed economico come non lo è mai stato e benché stabilirsi in nord Europa, meta più gettonata da chi parte, non sia una passeggiata ma un investimento a lungo termine, le migliaia di gruppi di “italiani a…” (aggiungere un Paese a caso, tanto siamo ovunque) testimoniano in quanti abbiano già fatto o stiano pensando di fare un passo verso la terza via tra accettare un ricatto e “passare una vita in vacanza”.

La rete della vecchia emigrazione, diventata più fragile con il boom economico degli anni 60, è stata rimpiazzata nell’ultimo decennio da una rete di nuova generazione, quella digitale, che ha contribuito ovunque a costruire delle economie più o meno grandi che vivono sul nuovo esodo: fuori dai confini nazionali è un flusso continuo di ristoratori, camerieri, pizzaioli, medici, psicologi, elettricisti, muratori, commercialisti, importatori, affitta-camere, italiani che lavorano – prettamente – con connazionali di nuova emigrazione. Questi sistemi economici paralleli a quelli delle nazioni ospitanti, lavorano con (e spesso sfruttano) italiani ma sono un trampolino di lancio per molti appena arrivati. E consentono di iniziare subito una nuova vita parlando giusto qualche parola di inglese.

Ecco, tra il grottesco calvinismo all’amatriciana di chi punta il dito contro i “choosy” e i commenti sprezzanti nei confronti dei giovani che “preferiscono andare in discoteca piuttosto che lavorare nel weekend” (io sto dalla loro parte: andare in discoteca come forma di “sciopero anti-sfruttamento”) ci sono tante opzioni quante destinazioni alternative all’Italia offre il mondo. E ringraziando il cielo, l’alta mobilità – quella che neghiamo ai poveracci che bussano alla nostra porta meridionale – non è più solo roba da ricchi.

A chi rifiuta i ricatti e va via dovrebbero fare un monumento: il dumping salariale si combatte dicendo no e rifiutando di lavorare per una ciotola di riso, non costruendo improbabili narrazioni sulla necessità di “lacrime e sangue” anche se i sacrifici vengono imposti solo a chi non ha alternative. Chi dice “no” salva anche l’Italia da se stessa e dal suo egoismo, altrimenti – tra non molto – al sistema produttivo del nostro Paese non resterà che sperare nella chiusura delle frontiere. Ma in uscita agli italiani.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pensioni quota 100, è importante ragionare sui lavori usuranti. Ad esempio nella ristorazione

next