“Una volta salvato Salvini da parte della Giunta, è finito l’ostruzionismo della Lega al M5s. Si è trovato l’accordo sulla mozione per la Tav, con cui si decide di non decidere. E sulle nomine Inps. A pensar male…”. Ad attaccare, nel corso del question time al Senato, è stato il senatore del gruppo Misto, già espulso dal M5s, Gregorio De Falco: “È un caso che una volta salvato il leader della Lega dal processo si è raggiunto subito l’accordo Lega – M5S su Tav e pure sugli emendamenti sul reddito di cittadinanza? Questo non è il cambiamento. Non ci vuole molta fantasia a immaginare a un rapporto di scambio. Se così fosse, sarebbe vergognoso. Ci riporterebbe a pratiche da prima Repubblica”, ha concluso De Falco.