Sono morte più di 80 persone in un vasto incendio che ha distrutto alcuni condomini nella città vecchia di Dacca, capitale del Bangladesh. Le fiamme sono divampate intorno alle 23.40 ora locale (18.40 in Italia) di mercoledì 20 febbraio all’interno di un edificio residenziale dove venivano custodite sostanze chimiche infiammabili. Da lì l’incendio si è propagato rapidamente agli edifici vicini.

Tra le vittime, ci sarebbero anche le partecipanti a una festa di addio al nubilato e i clienti di un ristorante. Molte persone sono rimaste intrappolate negli stabili, almeno cinque immobili alla periferia della popolosa capitale bengalese, come riferiscono fonti ufficiali locali.

Sul posto sono intervenuti 37 vigili del fuoco, che hanno faticato a spegnere l’incendio, domato solo intorno alle 3 del mattino, ostacolati dai vicoli stretti del quartiere di Chawkbazar e dalla mancanza di fonti d’acqua. In molti casi, il piano terra dei palazzi della zona è adibito a negozi, ristoranti o magazzini e gli edifici sono molto vicini gli uni dagli altri. “È davvero una situazione molto difficile”, ha spiegato all’Ap Mahfuz Riben, un ufficiale della centrale operativa della protezione civile a Dacca.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Siria, il fotografo Micalizzi ferito dall’Isis: “Il botto, non vedo più. Pensavo fosse finita. Ma ci vuole qualcuno che racconti”

prev
Articolo Successivo

Terrorismo, processare in patria i foreign fighters? Dopo il tweet di Trump l’Europa si divide

next