di Marta Coccoluto

Il viaggio è sentirsi a casa cambiando posto, per tornare a casa e sentirsi cambiati. Recita così un aforisma che sembra parlare non più solo ai (veri) viaggiatori, ma anche ai (famigerati) turisti. Statici e abitudinari, un tempo i turisti chiedevano vacanze in contesti eccezionali, dove ripetere i rassicuranti riti e trovare gli stessi servizi lasciati a casa. Oggi gli esperti del settore parlano di turismo trasformazionale, l’ultima evoluzione del viaggio esperienziale: i turisti, come i viaggiatori, sono alla ricerca di momenti in grado di “trasformarli”. Vogliono vivere esperienze autentiche, genuine, in perfetta armonia con la natura e legate alla storia del luogo visitato, ma non si accontentano più solo di “sperimentare” una destinazione: vogliono “testare” una parte diversa di loro stessi.

È un approccio più interiore e carico di aspettative: anche i turisti, quando riapriranno la porta di casa, non vogliono sentirsi più quelli di prima. Vogliono che il viaggio insegni loro a fare qualcosa, che li aiuti a rivedere le proprie convinzioni, a ribaltare i propri pregiudizi, a scoprire qualcosa di sé attraverso il rapporto con l’altrove. Al viaggio chiedono di cambiarli, portando qualcosa di nuovo e di inedito nella loro vita.

I giorni di vacanza diventano così l’occasione per dedicarsi allo sviluppo personale, all’autorifessione, al miglioramento di sé. Secondo i dati del rapporto Turismo in Italia: il futuro è digitale dell’Osservatorio innovazione digitale nel turismo, della School of Management del Politecnico di Milano, le attività esperienziali costituiscono in diversi casi la motivazione stessa che spinge il turista italiano a viaggiare e costituiscono in media il 26% del budget per la vacanza, superando il 31% in caso di weekend e vacanze brevi.

I prodotti esperienziali devono essere coinvolgenti, solidi, memorabili e soprattutto “disponibili” ben prima di arrivare a destinazione. Se consideriamo che il turista “non digitale” è ormai in via di estinzione – solo il 2% degli italiani tra i 18 e i 75 anni non ha usato Internet per nessuna attività relativa alla sua ultima vacanza (dati Osservatorio innovazione digitale) – è chiaro che il viaggio inizia sul web. L’attrattività di una destinazione, di un territorio, passa dalla sua capacità di raccontare e di promuovere le esperienze che offre con il linguaggio e gli strumenti digitali.

Per questo l’industria del turismo e dell’ospitalità è alla costante ricerca di figure professionali in grado di raccontare e condividere sul web storie che sappiano emozionare, coinvolgere e attrarre viaggiatori, proponendo esperienze autentiche, intime, personalizzate.

“L’interesse si sta sempre più spostando dalle cose alle persone: i turisti non vogliono incontrare le mete, vogliono incontrare le persone. Per i viaggiatori di oggi i monumenti sono importanti, ma lo sono di più gli incontri e le esperienze che riescono ad arricchirli interiormente, a trasformarli”, dice Giancarlo Dall’Ara, consulente di marketing turistico e presidente dell’Associazione nazionale degli alberghi diffusi, che ha coniato il termine “narratore di luoghi”, “la figura chiave per tessere un rapporto autentico con il turista e per raccontargli il territorio, mettendone in luce la storia e le opportunità, ma anche e soprattutto le emozioni e i valori”, prosegue Dall’Ara.

E online? La figura chiave è il travel storyteller, un professionista che sappia creare una narrazione intorno a un territorio o a una destinazione turistica, producendo contenuti di valore che le persone vogliano leggere, guardare, commentare e condividere. Contenuti realmente utili, che restano per lungo tempo nei canali di comunicazione online della struttura turistica, dell’azienda o dell’ente turistico che l’ha commissionata.

Una professione che certamente si può imparare – ad esempio alla Home 4 Creativity, dove a maggio si terrà un Workation Camp proprio per diventare travel storyteller – con alla base una buona capacità di scrittura e una predilezione per il viaggio, da combinare con le opportune conoscenze sulle regole di comunicazione online. Nuove professioni, ma anche nuove possibilità per i territori: l’Italia è un immenso deposito di storie da raccontare, di tradizioni da sperimentare, di artigianalità da imparare, di itinerari emotivi. Di unicità che devono e possono diventare proposte turistiche.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Week end: il Cadore più minuto, dimenticando, per una volta, la star Cortina.

next