“Ritengo quella proposta una cosa positiva perché concede spazio alla nostra cultura. Mi pare una cosa assennata, e poi la aspettiamo da anni una legge sulla musica”. A sostenerlo sono due grandi nomi della musica italiana, Giulio Rapetti in arte Mogol, e Beppe Carletti, leader dei “Nomadi”, una delle band nostrane più longeve. In un’intervista a La Stampa, i due artisti hanno hanno spiegato di appoggiare la proposta di legge del leghista Alessandro Morelli che vorrebbe introdurre l’obbligo per le radio di passare un brano italiano ogni tre stranieri. “Penso anche che un provvedimento del genere vada incoraggiato anche con altre iniziative, come i limiti che andrebbero imposti al numero dei brani prodotti dalle radio, in modo che non diventi un trust”, ha aggiunto Mogol.

All’estero, dice il tastierista dei Nomadi, ci stanno ben più attenti di noi: “Nei paesi di lingua spagnola quasi tutte le canzoni che si sentono sono in spagnolo, e poi il 30% non mi sembra una quota eccessiva. A me dispiace sentire così poca musica melodica italiana sulle radio di casa nostra, noi che ne siamo gli artefici. Giusto dunque proteggere il prodotto italiano anche per le canzoni, così come si fa per il cibo e per gli altri beni tipici del nostro Paese. La canzone va tutelata come tutto il Made in Italy“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Emma Marrone ferma il concerto: “Qualcuno sta morendo?”. Ma le cose non sono come sembrano

prev
Articolo Successivo

Soldi featuring Prosecco, la parodia del brano vincitore di Sanremo è riuscitissima: “…è dieci volte meglio dello Champagne”

next