Durante il tour elettorale in vista delle elezioni regionali in Sardegna, previste domenica 24 febbraio, Matteo Salvini è stato fischiato a Ozieri, in provincia di Sassari, e poi nel capoluogo. Mentre parlava dal palco, il leader della Lega è stato interrotto diverse volte da fischi e grida. Poi, a un certo punto, da un coro: “Fascista, fascista“. Il ministro dell’Interno ha replicato: “Se le contestazioni vengono da questi quattro figli di papà abbiamo già vinto. Pane e Nutella per voi sfigati“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Decretone, impasse in Senato: minoranza contro Pesco (M5s). Lui: “C’è qualcosa che non va tra noi, il governo e gli uffici”

prev
Articolo Successivo

Diciotti, Renzi: “Governo non cade, troveranno il modo per sistemarsi la poltrona. Voto su Rousseau? No comment”

next