Sistematica omissione sul controllo della regolarità dei procedimenti amministrativi” e “divulgazione di informazioni riservate relative a procedimenti amministrativi a carico di commercianti ambulanti”. Tutto ciò attraverso “l’induzione a dare e promettere denari ed altre utilità”. Secondo gli inquirenti, è Alberto Bellucci il dirigente capitolino gancio dei cosiddetti “bancarellari” romani, in grado di “indirizzare le autorizzazioni rilasciate da Roma Capitale per l’occupazione di postazioni per il commercio ambulante e relative turnazioni su area pubblica”.

A beneficiarne, per la Procura di Roma, i rappresentanti di organizzazioni sindacali, fra cui la Fivag Cisl attraverso Vittorio Baglioni e le sigle create ad hoc da due esponenti storici della famiglia Tredicine, Dino e Mario. In particolare, “Baglioni, in funzione della propria carica, utilizzava la sede della Fivag Cisl (…) quale base logistica di raccordo dell’organizzazione della gestione illecita delle licenze e turnazioni di posteggio”. Stessi uffici utilizzati anche da Dino Tredicine.

Per il pm Antonio Clemente, che ieri ha disposto i decreti di perquisizione, i quattro erano parte di un “sodalizio criminoso” composto almeno da 16 persone, fra cui soprattutto ambulanti e sub-gestori delle autorizzazioni. I tre sindacalisti, infatti, a loro volta rendevano “servizi nei confronti dei singoli associati” e incassavano da loro, “somme di denaro per l’utilizzazione di titoli autorizzativi all’occupazione delle postazioni per l’esercizio del commercio ambulante”. In estrema sintesi: Vittorio Baglioni, Mario e Dino Tredicine si rivolgevano a Bellucci per ottenere le autorizzazioni e conoscere informazioni “sensibili”, poi si facevano pagare dagli associati dei sindacati di cui erano dirigenti per veicolare i singoli permessi.

Da considerare che se la Fivag Cisl (Federazione italiana venditori ambulanti e giornalai della Cisl) è un sindacato strutturato in maniera piuttosto eterogenea, i Tredicine annoverano nelle loro sigle per la maggior parte esponenti della loro vasta famiglia – di lontana origine sinti italiana – per lo più impiegati nello stesso business, o comunque persone a loro collegate. Una rappresentanza storica se si pensa che Mario e Dino in un passato recente hanno fatto parte della Confcommercio romana e che da tempo la loro famiglia mantiene rapporti molto stretti con la comunità bengalese in città.

IlFattoQuotidiano.it ha provato a rintracciare telefonicamente Mario e Dino Tredicine e Vittorio Baglioni, ma nessuno di loro si è reso raggiungibile o ha voluto rilasciare dichiarazioni. Idem per l’avvocato dei Tredicine, Gianfranco Di Meglio. Sebbene gli inquirenti non abbiano fornito ulteriori informazioni, l’ampio coinvolgimento del X Gruppo Mare della Polizia Locale di Ostia nelle attività di perquisizione lascia pensare che il grosso delle autorizzazioni “incriminate” faccia riferimento all’area del litorale romano.

Un territorio, quest’ultimo, dove da tempo insiste un’aspra lotta nelle sedi locali istituzionali per lo spostamento degli ambulanti e degli operatori del commercio a rotazione (fra l’altro dislocamenti quasi sempre falliti). Intanto, il Codacons annuncia che si costituirà parte offesa nell’inchiesta. “Si tratta di una vicenda molto grave perché vede coinvolti funzionari comunali che dovrebbero operare nel rispetto della legalità e nell’interesse dei cittadini – spiega il presidente Carlo Rienzi – Pertanto il Codacons si costituirà parte offesa nell’inchiesta in rappresentanza dei cittadini romani, e se saranno accertati gli illeciti contestati chiederà un equo risarcimento danni ai responsabili per conto della collettività”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Corruzione, monsignor Scarano condannato: “Provò a fare rientrare 20 milioni di euro dalla Svizzera su un jet”

prev
Articolo Successivo

Assenteismo, in 7 anni va al lavoro solo 117 volte: finisce a processo. Il record di presenze? Nel 2009 una volta a settimana

next