“Il percorso verso la verità non lo considero concluso, perché ne manca ancora molta, ma speriamo a piccoli passi di arrivarci” . Con queste parole, Paola Caccia, la figlia del Procuratore di Torino Bruno Caccia, ucciso dalla ‘ndrangheta nel 1983, ha commentato la sentenza della Corte d’Appello di Milano che ha confermato la condanna all’ergastolo nei confronti di Rocco Schirripa come esecutore materiale del delitto. Nel corso dei due gradi di giudizio, la famiglia del Procuratore insieme all’avvocato Fabio Repici aveva provato ad allargare il perimetro delle responsabilità e per cercare di fare luce sul contesto nel quale era maturato il delitto. “È un processo minimalista dove la procura milanese ha voluto tenere fuori dal processo un pezzo di verità come se ci fosse un tabù che certe cose debbano rimanere fuori dall’accertamento giudiziario”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bruno Caccia, confermato l’ergastolo per Rocco Schirripa. La figlia del magistrato ucciso: “Cercare gli altri colpevoli”

next
Articolo Successivo

Terrorismo, verso due richieste di estradizione alla Francia per Narciso Manenti e Raffaele Ventura

next