Ad un anno di distanza dal lancio della DS 7 Crossback, DS Automobiles inizia la commercializzazione del suo secondo modello di nuova generazione, la DS3 Crossback. Per festeggiarne l’arrivo, la casa Parigina, ha scelto di realizzare e immettere sul mercato un’edizione limitata, “La Première”, che si contraddistingue per uno stile più ricercato ed esclusivo sia per esterni che per l’abitacolo.

DS3 Crossback La Première si distingue per stile e high-tech, portando con sé equipaggiamenti d’avanguardia, che saranno poi proposti sul resto della gamma. Tra i sistemi di assistenza ADAS, da segnalare l’innovativo DS Drive Assist, un aiuto alla guida che configura la guida autonoma di secondo livello e l’Active Safety Brake attivo fino a 140 km/h.

La Première, che sarà in vendita fino al prossimo mese di giugno, sarà disponibile in due motorizzazioni benzina: PureTech 130 e PureTech 155, abbinate al cambio automatico EAT di nuova generazione a 8 rapporti. La gamma “completa” di DS3 Crossback disporrà in seguito di cinque motorizzazioni: tre turbo benzina PureTech da 155 Cv/240 Nm di coppia con cambio automatico EAT8, PureTech da 130 Cv/230 Nm automatico e PureTech da 100 Cv/205 Nm manuale a 6 marce, due turboDiesel BlueHDi da 130 Cv/250 Nm automatico e BlueHDi 100 Cv manuale.

DS3 Crossback sarà disponibile con tre livelli di allestimento: So Chic e Performance Line, concepiti per i clienti privati alla ricerca di una eleganza raffinata o di un carattere sportivo, e Business, dedicato a chi utilizza l’auto principalmente per lavoro ed è alla ricerca di stile e funzionalità. Prezzi da 26.200 euro per la versione PureTech100 Manuale. Per la Première, 38.500 euro con la motorizzazione PureTech130, 40.500 euro la PureTech155. Le consegne sono previste per la fine della primavera. Per una DS 3 Crossback a zero emissioni, E-Tense, si dovrà aspettare la fine del 2019.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Nissan Micra, la gamma cresce con due nuovi motori 1.0 tre cilindri – FOTO

prev
Articolo Successivo

SportPesa Racing Point F1, presentato l’erede del team Force India in Formula Uno – FOTO

next