Fuggiti all’estero per necessità. Per trovare un lavoro migliore e dimenticare le sabbie mobili di un paese che non valorizza e non fa crescere. Il documentario Italia addio, non tornerò, che racconta le storie di expat da Londra a Melbourne, è stato presentato il 12 febbraio in Sala Nilde Iotti, alla Camera dei deputati. All’evento, promosso dal deputato Pd Massimo Ungaro, ha partecipato anche Eleonora Bianchini, curatrice di Cervelli in fuga, sezione de ilfattoquotidiano.it che con le sue storie ha ispirato il documentario realizzato dalla Fondazione Paolo Cresci per la Storia dell’Emigrazione italiana (da un’idea di Marinella Mazzanti e a cura della reporter Barbara Pavarotti, e col sostegno di Regione Toscana e Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca). Tra i relatori anche Brunella Rallo del blog Mamme di cervelli in fuga, Aise, 9Colonne, Italian network e Fondirigenti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Informatico a Malaga: “In Italia se sei disoccupato over 50 è la rovina. La Spagna mi ha dato un futuro”

prev
Articolo Successivo

Lavoratori all’estero, Lega propone mini-tassa per 5 o 10 anni per farli rientrare in Italia

next