L’Inter toglie la fascia di capitano a Mauro Icardi. L’annuncio arriva all’improvviso dal profilo Twitter ufficiale della società nerazzurra. Una sola riga: “Il Club comunica che il nuovo capitano della squadra è Samir Handanovic“. Il portiere sloveno prende così il posto del numero 9 nerazzurro e al momento non si conoscono le ragioni della clamorosa scelta: potrà dire qualcosa di più Luciano Spalletti nella conferenza stampa in programma questo pomeriggio alla vigilia della partita di Europa League contro il Rapid Vienna. Ma la rottura tra Icardi e la società è totale, tanto che l’attaccante non risulta nemmeno tra i convocati per la gara in programma domani alle 18.55 all’Allianz Stadion della capitale austriaca.

Di certo c’è che la decisione arriva dopo ormai un mese di tensioni tra la società e la moglie-agente del calciatore, Wanda Nara, sulla questione del rinnovo del contratto. Proprio l’argomento Icardi era stato al centro del faccia a faccia avvenuto martedì tra l’amministratore delegato Beppe Marotta e il tecnico Spalletti ad Appiano Gentile. Erano presenti anche il d.s. Piero Ausilio e il cfoo Giovanni Gardini. A questo punto è probabile che in questa sede si sia deciso per una mossa forte.

Icardi era stato nominato capitano nella stagione 2015-16, all’età di 22 anni, dall’allora allenatore Roberto Mancini. Con l’addio alla fascia, pare evidente una sua cessione al termine della stagione. L’Inter si troverà così a dover rimpiazzare l’unico top player in squadra, escluso Milan Skriniar, ma probabilmente l’operazione avverrà nell’ottica di un rinnovo dell’intera squadra per renderla più funzionale al futuro allenatore: se Spalletti dovesse salutare, in pole position sembra esserci Antonio Conte.

Il dubbio è, data la situazione, come riuscirà ora l’Inter a proseguire la stagione e centrare almeno l’obiettivo minimo, la qualificazione alla prossima Champions League. Da qui anche le reazioni sbigottite dei tifosi sui social network. E la maggior parte chiede che a questo punto diventi Skriniar il capitano.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Inter senza stimoli: in attesa dell’Europa League è mediocrità nerazzurra. Anche quest’anno ci si diverte l’anno prossimo?

next
Articolo Successivo

Wanda Nara, Icardi, Marotta e i nerazzurri: se l’Inter è diventata una telenovela argentina di bassa lega

next