Tanti applausi, ma anche qualche fischio, di rabbia, soprattutto di chi non è riuscito ad entrare in sala, oggi a Vicenza per l’arrivo dei due vicepremier Salvini e Di Maio all’assemblea degli ex soci della Popolare di Vicenza. “Non è stato fatto abbastanza”, e ancora “i decreti attuativi dovete fare e in fretta”, “parlate poco e fate di più”. Le urla sono partite da gruppetti di persone, confuse nelle ‘ali’ di gente che attendeva all’esterno del palazzetto i due ministri. Molti i risparmiatori che hanno applaudito i due vicepremier, e qualche attimo di confusione per la folla che bloccava l’accesso alla sala. Di Maio si è fermato a parlare con alcune persone in attesa, Salvini ha salutato mentre accedeva alla sala da un’entrata laterale. Nel mezzo anche un paio di cartelli che contestavano Lega e M5S, issato da ex risparmiatori che non si riconoscono nel coordinamento dei comitati che ha organizzato l’evento

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Roma, le voci dalla piazza dei sindacati: “Reddito di cittadinanza? Soldi buttati. Quota 100 penalizza fasce di lavoratori”

prev
Articolo Successivo

Sea Watch, Parigi: “Manteniamo impegni, accoglieremo 7 migranti”. L’accordo ne prevedeva nove. Salvini: “Ottimo”

next