Venerdì lo spread tra Btp e Bund si è allargato fino a 290 punti base, tornando ai livelli di due mesi fa, prima di chiudere a 289 punti. Il rendimento del decennale italiano nel corso della seduta ha superato la soglia del 3%, per poi ripiegare a 2,99%. All’aumento del differenziale rispetto ai titoli tedeschi contribuiscono le nuove stime della Commissione europea – che ha tagliato la previsione di crescita del pil italiano nel 2019 dal +1,2% dello scorso autunno al +0,2% – e la tensione politica con la Francia alimentata dall’appoggio del leader del Movimento 5 Stelle Luigi Di Maio ai gilet gialli e dalle divergenze sul tema Tav.

Il differenziale resta comunque sotto i picchi dello scorso autunno, quando ha superato i 320 punti in scia all’incertezza sui contenuti della manovra economica e sul rischio di una procedura di infrazione Ue, poi sventata grazie alla revisione al ribasso del deficit/pil decisa all’ultimo minuto dal governo gialloverde. Anche il rendimento del decennale italiano torna ai livelli raggiunti a dicembre, prima che la legge di bilancio venisse approvata, ma non arriva al livello raggiunto a ottobre, quando aveva toccato il 3,69%.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Unipol vende Unipol Banca a Bper per 220 milioni. All’istituto emiliano anche il 100% del Banco di Sardegna

next
Articolo Successivo

Banche: Ubi, Banco Bpm e Unicredit superano i nuovi requisiti patrimoniali Srep fissati dalla Bce

next