“La prima cosa che voglio ribadire con forza è che l’Italia e il Governo italiano considerano la Francia un paese amico e il suo Popolo con la sua tradizione democratica e millenaria, un punto di riferimento nelle conquiste dei diritti civili e sociali a livello mondiale”. Così ieri il vicepremier Luigi Di Maio, nel tentativo di ricucire lo strappo con il governo francese, ha scritto in una lunga lettera al quotidiano Le Monde. Una gaffe – quel “tradizione democratica e millenaria” – che non è passata inosservata, tanto da far cancellare al leader del Movimento 5 stelle il post in cui annunciava la missiva inviata al giornale. La democrazia francese, come è noto, risale al 1789 e non al 789, piena età Carolingia, e quindi monarchica. Dai post che citano Lady Oscar a quelli con le gif dell’ingegner Cane, i social si sono scatenati.

“A Di Maio che considera millenaria la democrazia francese avrei solo una cosa da chiedere: passi il non studiare, ma nemmeno Lady Oscar?!”, scrive un utente.


“Quindi Carlo Magno era il Presidente della Repubblica, Luigi XIV il Presidente del Consiglio e Vercingetorige il Ministro della Difesa. Avrà studiato storia guardando, molto male, Lady Oscar”, fa eco qualcun altro.

Ma non solo Lady Oscar, c’è anche chi cita Asterix e Obelix, ricordando che Abraracourcix effettivamente “è stato regolarmente eletto”.

Non sono mancati commenti ironici anche dalla politica. Mara Carfagna, ad esempio, ha cinguettato ricordando la coincidenza: il nome del re francese mille anni fa è lo stesso del vicepremier, Luigi.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Scontro Italia-Francia, il ministro Castaner a Salvini: “Io a Roma? Non mi faccio convocare da nessuno”. Lui: “Lo ospito”

next
Articolo Successivo

Italia-Francia, Letta: “Crisi senza precedenti, abbiamo solo da perdere. Zingaretti? Può essere padre del Pd”

next