Ringrazia, declina e ribadisce la linea: sulle vicende venezuelane il M5s preferisce evitare ingerenze. “Siamo ben consapevoli che il Venezuela sta attraversando un periodo storico complesso e doloroso – ha scritto il vicepremier Luigi Di Maio in una lettera pubblicata dal quotidiano Avvenire, intesa come risposta all’incontro chiestogli dall’autoproclamato presidente venezuelano Juan Guaidò – Al riguardo è mia piena convinzione che il governo italiano debba evitare ogni ingerenza esterna e come ha già fatto rendersi disponibile come mediatore tra le parti per aiutare il Venezuela a tracciare un percorso comune di legittimazione politica che arrivi attraverso nuove elezioni, libere e monitorate da organismi internazionali”.

La situazione per il momento non cambia, quindi. Sono finora 19 i Paesi europei che – Francia, Gran Bretagna, Spagna e Germania in testa– hanno legittimato le rivendicazioni di Guaidò e l’Italia non è tra questi: anzi, il governo italiano ha bloccato per due volte il tentativo europeo di arrivare a una dichiarazione comune dei 28. E se la Lega è più propensa a riconoscere il giovane presidente dell’Assemblea nazionale nel ruolo di capo del governo, il M5s resta sulle sue posizioni. Pur ringraziando “per la Sua cortese lettera del 5 febbraio scorso e per le parole che ha voluto trasmettermi sulla vicinanza da sempre dimostrata dal popolo e dal Governo italiano nei confronti del Venezuela, vicinanza e solidarietà che voglio innanzitutto confermarLe – scrive Di Maio – siano i venezuelani a decidere del loro futuro, in modo pacifico e democratico e soprattutto alle urne”. “Ritengo necessario – aggiunge – che il Governo italiano mantenga una linea di neutralità e di non ingerenza sul processo che condurrà a tali elezioni, incoraggiando piuttosto un dialogo costruttivo tra le parti, anche con l’obiettivo di non alimentare un’ulteriore divisione a livello internazionale e le sue possibili conseguenze in termini di destabilizzazione del Paese”.

“In tal senso – continua – reputo la parole di Papa Francesco molto importanti e una Sua risposta a questo appello sarebbe un gesto utile all’instaurazione di un dialogo”. “Il ministro degli Esteri italiano Moavero sarà a Montevideo per partecipare al vertice ministeriale del gruppo di contatto internazionale sul Venezuela a lavorare per quest’obiettivo, che consideriamo l’unica via percorribile per il futuro del popolo venezuelano”, ha concluso il vicepremier.

Che questa mattina è tornato sull’argomento in tv: “Penso che l’Italia debba essere neutrale”, ha ribadito Di Maio intervistato su Unomattina. “Non dobbiamo schierarci né con Maduro né con Guaidò. Non vogliamo – ha aggiunto ricordando l’importanza del Venezuela per quanto riguarda il petrolio – un’altra Libia. Ci devono essere elezioni. Garantiremo il dialogo. Gheddafi era un dittatore ma lo dovevano buttare giù i libici, non le bombe Nato“.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Successivo

Pil, Tria interrotto in Aula si infuria con Brunetta: “Ma stai zitto!”. Scoppia la bagarre, Fico riprende il ministro

next