Nelle scorse settimane abbiamo avuto modo di provare l’Optix MAG271CR, un monitor curvo da 27″ con pannello FullHD a 144Hz di MSI, utilizzandolo sia per gaming che per lavoro.

L’MSI Optix MAG271CR presenta un design dalle linee moderne edge to edge (unica cornice rilevante è quella inferiore), simili al monitor dello stesso produttore che provammo quest’estate, inclusa la presenza di una fascia illuminata tramite led RGB nella parte posteriore dotata di 8 effetti diversi gestibili tramite la piattaforma Mystic Lights , ma posizionandosi in una fascia di prezzo inferiore presenta delle caratteristiche leggermente inferiori sia per quanto riguarda il pannello (l’MPG27CQ era QHD) ma anche per quanto le caratteristiche accessorie. Il supporto incluso con il monitor di MSI permette di regolare l’altezza (circa 130mm di escursione) e l’inclinazione sull’asse orizzontale (da -5° a 20°) dello schermo.

In situazione di gioco le immagini mostrate sono risultate sempre molto fluide, grazie al pannello in grado di supportare una frequenza di aggiornamento (la frequenza con cui vengono ridisegnate le immagini a schermo) di 144Hz, offrendo al contempo un’ottima resa dei colori. La curvatura dello schermo aiuta, con schermi grandi come il 27″ in questione, nel rendere l’esperienza in gioco più immersiva sfruttando al meglio la visione periferica, ma al contempo se usato per lavoro l’esperienza  può non essere ottimale, nel nostro caso – redazione di testo e codice – ha richiesto un paio di giorni d’adattamento.

Nel complesso la nostra esperienza con il monitor di MSI è stata positiva, spinta dall’ottima resa del pannello in gioco, dal buon design e dalla semplicità nell’assemblaggio. Il prezzo per il modello provato si aggira attualmente sui 350€, ma se volete risparmiare qualcosina potete puntare al suo fratello minore, il MAG271C, che per un prezzo di 50-80€ più basso offre un pannello simile, 27″ FullHD a 144Hz, rinunciando però alla possibilità di regolarne l’altezze e alla retroilluminazione led.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Gli account Google Plus saranno cancellati il 2 aprile, ecco come salvare una copia di foto e video prima che sia troppo tardi

prev
Articolo Successivo

Replicator è la stampante 3D ispirata da Star Trek che crea oggetti con la luce

next