C’era una volta la giostrina a carica manuale che girava sul lettino, per aiutare i bambini ad addormentarsi. Oggi c’è il cantastorie Bluetooth. Si chiama Mi Bunny Story Machine Mini e a produrlo è Xiaomi, popolare produttore cinese di smartphone. Non che i pupazzi cantastorie “vecchio stile” siano scomparsi, ma qualcuno deve aver pensato che fossero noiosi, perché raccontano sempre “la stessa storia”. Da qui l’idea di crearne uno Bluetooth, su cui il genitore può caricare di volta in volta storie differenti, per non far scemare l’interesse del bambino e seguire l’evoluzione dei suoi gusti in fatto di personaggi e narrazione.

L’idea per dire il vero non è nuova, Xiaomi è alla seconda versione. In questa, il pupazzo è alto 14 centimetri e dispone di 16 GB di spazio di archiviazione per tenere in memoria tantissime storie e canzoncine. Si possono aggiungere e cancellare tramite smartphone, attingendo a un database di oltre 350 contenuti. Un piccolo altoparlante riproduce i suoni. Stando alle fonti, al momento dell’acquisto sono preinstallati “contenuti di alta qualità che aiutano lo sviluppo delle capacità intellettive del bambino”. Sfruttando il Bluetooth è possibile anche usare il pupazzo per riprodurre contenuti dal telefono o dal lettore multimediale.

Non sappiamo se e quando il prodotto arriverà in vendita in Italia, è probabile che accada, considerato che il predecessore era presente in molti negozi fisici europei. Dovrebbe costare circa 19 euro al cambio odierno. Se volete risparmiare, potete sempre leggere voi le favole. Chissà che il fascino di mamma e papà possa ancora battere l’hi-tech.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Con Virtual Coach l’Intelligenza Artificiale siede in panchina. La squadra vincerà?

next
Articolo Successivo

Metalli che si riparano in pochi secondi grazie al grafene, l’El Dorado della scienza dei materiali

next