Il presidente del consiglio comunale di Milano è stato costretto a sospendere la seduta, il 31 gennaio 2019, dopo le accese polemiche seguite al dibattito sull’occupazione di Macao, il collettivo che occupa uno stabile recentemente diventato di proprietà del Comune. I consiglieri di  centrodestra chiedono da tempo di ripristinare la legalità nello stabile e di metterlo in vendita. La lista di sinistra Milano Progressista ha forzato la mano per cercare di continuare il dialogo con Macao. Dai banchi della Lega si sono levate forti voci di dissenso, con il deputato Alessandro Morelli a condurre la bagarre.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Pd, Boldrini: ‘Votare alle primarie? Ci sto pensando’. Vice di Zingaretti: ‘Ricomporre culture uliviste’. Ira di Calenda e renziani

next
Articolo Successivo

Consob, spunta il nome di Paolo Savona come presidente. E lui non smentisce: “Non so cosa succede alle mie spalle”

next