Il presidente del consiglio comunale di Milano è stato costretto a sospendere la seduta, il 31 gennaio 2019, dopo le accese polemiche seguite al dibattito sull’occupazione di Macao, il collettivo che occupa uno stabile recentemente diventato di proprietà del Comune. I consiglieri di  centrodestra chiedono da tempo di ripristinare la legalità nello stabile e di metterlo in vendita. La lista di sinistra Milano Progressista ha forzato la mano per cercare di continuare il dialogo con Macao. Dai banchi della Lega si sono levate forti voci di dissenso, con il deputato Alessandro Morelli a condurre la bagarre.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pd, Boldrini: ‘Votare alle primarie? Ci sto pensando’. Vice di Zingaretti: ‘Ricomporre culture uliviste’. Ira di Calenda e renziani

prev
Articolo Successivo

Consob, spunta il nome di Paolo Savona come presidente. E lui non smentisce: “Non so cosa succede alle mie spalle”

next