Il 2019 del mercato auto inizia con il segno meno. Secondo i dati del ministero delle Infrastrutture, a gennaio le immatricolazioni sono state 164.864, in calo del 7,55 per cento rispetto allo stesso mese del 2018. A calare è anche il mercato dell’usato: i 377.787 trasferimenti di proprietà sono il 3,69% in meno rispetto a un anno fa. Il volume globale delle vendite (542.651 autovetture) ha dunque interessato per il 30,38% auto nuove e per il 69,62% auto usate.

Particolarmente negativo il dato del Gruppo Fca, che fa registrare un -21,64% con 39.773 vetture vendute in Italia che porta a una contrazione della quota del mercato dal 28,46 al 24,12 per cento. Nel dettaglio, Fiat ha immatricolato 24.445 vetture con un calo del 29,2% sullo stesso mese del 2018 e una quota di mercato scesa al 14,83% dal 19,36% di un anno fa. Forte calo anche per Alfa Romeo che perde il 45,35% con 2.473 auto vendute, mentre – dopo una lunga corsa – frena anche Jeep, -16,14% a 6.249 unità. Spicca invece il +55,36% di Lancia, che – nonostante abbia da tempo un solo modello in gamma – è riuscita a immatricolare a gennaio 6.606 unità.

“In un mercato in discesa,  Fca continua a privilegiare le vendite a privati, dove aumentiamo le nostre immatricolazioni del 16%, ben oltre l’andamento del mercato – commenta Pietro Gorlier, responsabile delle vendite Fca in Europa – Con soddisfazione vediamo Fiat Panda, Lancia Ypsilon e Alfa Romeo Stelvio in testa nelle vendite dei loro segmenti”. Non va meglio per Renault (-13,78% e 8.213 unità), Ford (-11,19% e 11.152 vetture), Nissan (-36,48%) e Audi (-37,27%). In crescita, invece, Volkswagen, +10,59% e 14.865 vetture immatricolate, con una quota salita in un anno dal 7,54% al 9,02%, Dacia (+25,72%), Opel (+10,48%) e Volvo (+54,35%).

“Gennaio 2019 si confronta con un gennaio 2018 che aveva registrato, per questo mese, i volumi più alti dal 2010”, rileva Paolo Scudieri, presidente dell’Anfia. “Per la prima volta da settembre 2003 – osserva – le autovetture diesel, in calo del 31% e con una quota del 41% del totale immatricolato, perdono la leadership di mercato a favore delle auto a benzina, che rappresentano il 45% del mercato e, nel mese, registrano un aumento del 28%”.

Oltre alla benzina, crescono anche le alimentazioni alternative (+3,5% e una quota del 13,7%), con la sola eccezione del metano. La progressiva contrazione delle vendite di auto diesel, sulla scia di quanto accaduto negli altri maggiori mercati europei, sta cambiando il mix delle alimentazioni: “La campagna di demonizzazione del diesel tout court e i provvedimenti di limitazione del traffico nei centri urbani, con la penalizzazione di alcune tecnologie rispetto ad altre, sono tra le principali cause – spiega ancora Scuderi – L’anno si apre quindi in maniera non ottimale, sia per la situazione economica non favorevole, sia per le preoccupazioni legate all’entrata in vigore, a partire da marzo, del bonus-malus“.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pil, manutenzione e infrastrutture per ripartire. Investire su ricerca e sviluppo vale di più, ma ha effetti a lungo termine

next
Articolo Successivo

Reddito, Istat e Inps riducono platea: tra 2,7 e 2,4 milioni. Tridico: “No, sono 4,9”. Boeri: “Senza controlli aumenta spesa”

next