“Per quanto riguarda la Sea Watch devo vedere ancora il dossier: certamente l’Italia non ha mai coordinato i soccorsi, li hanno fatti loro che come era già capitato recentemente, purtroppo non hanno rispettato la legge del mare“. Così il ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, Danilo Toninelli, a margine della commemorazione delle vittime della tragedia ferroviaria di Pioltello, commenta il caso della nave della Ong con a bordo 47 migranti che è da 6 giorni in mare e ora ha trovato riparo a un miglio dalle coste di Siracusa. Secondo il ministro hanno violato la legge perché “avrebbero dovuto attendere la guardia costiera libica, perché il tutto è avvenuto nel mare libico”. “Siccome se ne sono andati – aggiunge Toninelli – a questo punto direi che come dice bene il vice premier Luigi Di Maio si dirigano verso la Francia, verso Marsiglia”. Poi propone un’alternativa: “Siccome sulla Sea Watch c’è una bandierina olandese che sventola e siccome non mi pare che gli olandesi abbiano ancora detto nulla, trovino la maniera migliore per prendersi in carico i migranti”, conclude il ministro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Milano, assaltano il portavalori con mitra e passamontagna: guardie giurate in ginocchio e a mani alzate. Il video

next
Articolo Successivo

Memoria, Segre: “C’è chi è stato ucciso perché ha fatto la scelta: non ha ascoltato chi gridava più forte ma ha pensato”

next