“La smetta di dire stupidate“. Così un contestatore ha attaccato il ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Danilo Toninelli, a margine della commemorazione delle vittime della tragedia ferroviaria di Pioltello di un anno fa. L’uomo sosteneva le ragioni dello sviluppo dell’alta velocità e i benefici che questa ha portato anche per i pendolari della zona. “Sono sempre dalla parte dei pendolari”, ha risposto il ministro che già prima aveva sottolineato come a suo parere la “manutenzione ordinaria e straordinaria anche a favore dei pendolari è la più grande opera“. Il contestatore ha parlato anche degli “stipendi” dei parlamentari e a quel punto Toninelli lo ha invitato scherzosamente ad accompagnarlo in banca per andare a controllare insieme i suoi conti. “Venga in banca con me”, ha detto. Ma poi ognuno dei due ha preso la sua strada.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cgil, Landini sale sul palco da neosegretario: “Scusatemi, devo fare una cosa…”. E va verso la platea stupendo i presenti

next