L’editore dell’Unità ha vinto la causa contro il giornalista Massimo Franchi che aveva contestato in giudizio un provvedimento disciplinare e una presunta azione discriminatoria dell’azienda editrice nei suoi confronti. È la società editrice Piesse a rendere noto che, con la sentenza del 22 gennaio 2019, la sezione lavoro del tribunale di Roma ha condannato il giornalista, oggi collaboratore del Manifesto, anche a pagare le spese legali all’Unità. Per il giudice Angela Damiani, infatti, Franchi ha “gettato discredito sull’azienda editoriale e sul giornale ledendone l’immagine presso i suoi lettori”, come si legge nelle motivazioni della sentenza.

Nell’ottobre 2015, a scatenare il caso sono due tweet scritti dal cronista bolognese in polemica con il giornale. Tema: il rapporto con l’eredità politica di Enrico Berlinguer, a suo dire infangato dalla linea editoriale dell’Unità. “Comunque propugnare che Berlinguer sbagliasse su Eurocomunismo e questione morale e che invece dovesse allearsi con Craxi è molto renziano”. Questo il primo. E il secondo: “Abbassando sempre più la soglia gramsciana dell’intransigenza si ritrovarono in compagnia di revisionisti, faccendieri, piduisti. ‘Ma siamo di sinistra’, rispondono”.

Da questo l’amministratore delegato dell’Unità, Guido Stefanelli, aprì un procedimento disciplinare nei confronti del giornalista, facendo riferimento, appunto, alla linea editoriale e sostenendo che fossero stati “travalicati i limiti del legittimo diritto di critica”. Provvedimento contestato da Franchi, che aveva ricevuto anche la solidarietà di Bianca Berlinguer, figlia dell’ex segretario del Pci. Ora il verdetto del tribunale, accolto con soddisfazione dall’ad del quotidiano, ormai non più in edicola.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Libero, sarebbe bello che Vittorio Feltri chiedesse scusa

prev
Articolo Successivo

Cgil, diventa un caso la mozione su Maduro. “Errore nel tweet. Mai con i dittatori, di nessun tipo”

next