Alla Camera è in corso il dibattito, con relative votazioni agli emendamenti, sul disegno di legge di riforma sulle leggi di iniziativa popolare e sul referendum propositivo. Galeazzo Bignani, di Forza Italia, contrario come tutto il suo gruppo al ddl voluto dalla maggioranza, ha preso la parola citando, senza anticiparlo, un passo di Lenin. E accusando il M5s (“mi rivolgo ai colleghi seduti alla mia destra”) di portare avanti “l’ideologia comunista che voi state surrettiziamente affermando”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Legittima difesa, c’è un errore nelle coperture: il ddl dovrà tornare al Senato

prev
Articolo Successivo

Reddito cittadinanza, Dall’Osso (ex M5s): “Disabili rischiano di essere esclusi. Di Battista? Saccente, non sa di non conoscere”

next