Inizierà l’8 aprile 2019 in Tribunale a Milano il processo a Silvio Berlusconi e all’ex infermiera Roberta Bonasia, di Nichelino (Torino), per corruzione in atti giudiziari in relazione al caso Ruby Ter. Gli avvocati difensori, Federico Cecconi e Stefano Tizzani, hanno rinunciato all’udienza preliminare e hanno richiesto il giudizio immediato. Lo scorso giugno il gup di Torino, Francesca Christillin, che avrebbe dovuto pronunciarsi sul rinvio a giudizio del leader di Forza Italia aveva restituito le carte alla procura con l’indicazione al pm Laura Longo di riscrivere il suo atto d’accusa precisando la questione dell’appartamento nella Torre Velasca di Milano.

Per l’accusa l’ex infermiera di Nichelino (Torino), in cambio di circa 80mila euro, avrebbe testimoniato il falso in tribunale, a Milano, su quanto avveniva durante le ‘cene eleganti’ di Arcore: niente statue con il pene sproporzionato, niente ragazze che improvvisavano spettacoli erotici. Il fascicolo era stato preso in carico dagli inquirenti di Torino dopo lo spacchettamento del fascicolo per ragioni di competenza territoriale: l’ultimo assegno fu incassato nel capoluogo piemontese. La difesa, su questo punto, aveva dato battaglia: “Si tratta di un assegno circolare – spiegava l’avvocato Federico Cecconi – e il reato, per costante giurisprudenza, si considera compiuto nel luogo di emissione”.

Il giudice Christillin aveva ordinato alla procura di concentrarsi sulla Torre Velasca. E in particolare all’appartamento al 22/o piano di cui la Bonasia, per un certo periodo, ottenne il comodato gratuito. L’immobile venne preso in affitto (con canone versato formalmente da un “uomo di fiducia” di Berlusconi) nel 2008. Ma Roberta conobbe il premier solo nel
2010. E la locazione terminò il 2 febbraio 2016. Per la pm Longo la circostanza non era essenziale, tanto che nel capo d’accusa iniziale non aveva nemmeno citato la Torre Velasca.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fondi Lega, Belsito: “Io l’unico condannato: sono rimasto solo col cerino in mano. Paga l’esecutore e non i mandanti”

prev
Articolo Successivo

Omicidio Meredith, Corte europea: “Italia paghi 18mila euro ad Amanda Knox, violati diritti della difesa”

next