Disperso. Non si hanno notizie del calciatore argentino di origini italiane, Emiliano Sala, da ieri sera sparito nei cieli della Manica. L’aereo da turismo con a bordo l’attaccante del Cardiff City era decollato dall’aeroporto francese di Nantes-Atlantique, in direzione di Cardiff. Sul velivolo c’erano altre tre persone, due passeggeri e un pilota. L’aereo è scomparso dai radar nei pressi del faro di Casquets, intorno alle 21.30, circa 20 chilometri a nord dell’isola di Guernesey. “Non ci aspettiamo di trovare sopravvissuti”, ha dichiarato il responsabile di Channel Islands Airsearch, John Fitzgerald, impegnato nella ricerca del Piper.  “Non sappiamo come sia scomparso, è completamente svanito, non c’è stata alcuna conversazione radio”, ha continuato.

La notizia è stata diffusa dalla polizia locale. Da allora, si sono perse le tracce e le condizioni meteo complicano il lavoro dei soccorritori. Le ricerche sono state interrotte nella notte a causa del vento forte e di una pessima visibilità, ma sono riprese in mattinata. Le autorità del controllo del traffico britanniche hanno confermato la notizia. Nessuna reazione, invece, dalla squadra di calcio britannica. Un elicottero ed imbarcazioni della Guardia Costiera stanno conducendo le ricerche intorno alla zona del faro di Casquets, dove sono stati persi i contatti.

Il calciatore, 28 anni, nella prima metà della stagione in Ligue 1 ha segnato 12 gol. Il suo trasferimento dal Nantes al Cardiff è stato annunciato sabato, per una cifra record per il club gallese stimata dalla stampa in circa 17 milioni di euro. Ieri si era recato alla Jonelière, cioè il centro di allenamento del Nantes, per prendere le sue ultime cose; e il club aveva pubblicato sull’account Twitter una foto del giocatore insieme agli ex compagni di squadra.

 

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Higuain, il Milan e quei 18 milioni in sei mesi buttati dalla finestra: simbolo di una società senza un progetto vero

next
Articolo Successivo

Inter senza stimoli: in attesa dell’Europa League è mediocrità nerazzurra. Anche quest’anno ci si diverte l’anno prossimo?

next