Accudiscono l’anziano e il malato di Alzheimer, ricordandogli di prendere le medicine, bere e intrattenendolo con attività quali ginnastica, giochi interattivi, musica. Riescono addirittura a rilevare stati d’animo. Sono i social robot realizzati nell’ambito del progetto «Upa4sar» che vede un team tutto al femminile coordinato da Silvia Rossi, ricercatrice dell’Università Federico II di Napoli e che coinvolge anche esperti Cnr e dell’Università della Campania Luigi Vanvitelli. I robot si adattano al profilo cognitivo della persona monitorandone le abitudini e fornendo adeguati suggerimenti. Fino ad ora la sperimentazione è stata realizzata in laboratorio: anziani, di cui alcuni malati di Alzheimer, hanno avuto modo di interagire con queste macchine in un soggiorno-cucina creato appositamente per loro. Tra pochi mesi saranno, invece, i robot a entrare nelle case delle persone

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

In tandem da Roma a Pechino, la sfida di Davide, cieco da 19 anni: “Così attraverserò il mondo in bicicletta”

next
Articolo Successivo

Libri come medicine, apre a Firenze la Piccola Farmacia Letteraria: “Prodotti artistici che possono curare le persone”

next