Ogni volta che fate un acquisto online c’è lo stesso problema: organizzare la consegna del corriere solo quando siete in casa. Grazie alla tecnologia, a garanzie sufficienti e a una buona dose di disponibilità da parte vostra, in futuro potrebbe non essere più un problema. A suggerirlo è un esperimento che è stato condotto in Belgio lo scorso anno da Zalando, il  sito di e-commerce di indumenti e calzature. È consistito nel lasciare entrare in casa i corrieri anche se non c’era nessuno.

Prima che cadiate dalla sedia, l’idea non si basava sull’imprudenza dei clienti. Nelle 750 abitazioni dei partecipanti al test, sono stati installati serrature e campanelli intelligenti. Quando il corriere suonava il campanello, il proprietario di casa poteva vedere chi era tramite lo smartphone e quindi, usando l’app, aprirgli la porta. Non solo: una telecamera IP all’interno della casa (collegata a Internet) permetteva ai clienti di verificare che il corriere se ne andasse subito dopo avere depositato il pacco, ed eventualmente dialogare con lui per indicargli il punto esatto in cui lasciarlo.

I clienti si sono detti soddisfatti del test, e disposti a fare uso di un servizio simile. La prova è stata condotta in collaborazione con bPost, il maggiore operatore postale belga, e non era finalizzata ad avviare il servizio. Come spiega Remko Bakker di Zalando nelle note ufficiali, “l’obiettivo dell’esperimento non era tanto il test della tecnologia, quanto verificare se le persone erano pronte a farlo. In parole semplici: ti fidi abbastanza di noi da lasciarci entrare in casa tua per completare un servizio?”.

Davanti a questa domanda molti sarebbero scettici, quindi viene da chiedersi come mai tante persone abbiano acconsentito. Patrick Leysen di bPost spiega che la selezione dei volontari è avvenuta tramite un sondaggio online, e molti hanno accettato per curiosità. Poi i responsabili li hanno incontrati di persona, stabilendo una connessione umana da cui si è sviluppata la fiducia. Il fatto che tutto il percorso sia stato spiegato a fondo, e che i destinatari delle merci siano stati aggiornati passo passo sullo stato della consegna, ha fatto il resto. Insomma, un mix di empatia, efficienza e tecnologia.

Non sappiamo se il futuro delle consegne passerà per esperienze simili. L’esperimento di Zalando però ci fa comprendere come le tecnologie domotiche abbiano il potere di cambiare gli scenari che ci si prospettano. E come, a prescindere da tutto, il rapporto umano resti un fattore fondamentale nel processo decisionale delle persone.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Riconoscimento facciale arma per la discriminazione razziale, appello a Google, Amazon e Microsoft

prev
Articolo Successivo

Airbnb risarcisce un cliente e bandisce un host, colpa della videocamera di sorveglianza

next