Elena, Georgia, Jessica e Lorena. Quattro donne, quattro vite diverse unite da un unico filo comune: sono quattro italiane che hanno deciso di impegnarsi spontaneamente e gratuitamente nell’accoglienza dei migranti. Il regista Daniele Gaglianone ne ha raccontato le loro storie, nel documentario Dove Bisogna Stare” . Viene distribuito dal 17 gennaio in selezionate uscite-evento con un calendario di tappe in tutta Italia, in cui sono previsti la presenza degli autori ed eventuali discussioni e dibattiti post-proiezione, grazie anche alla partnership con . Le tappe del tour di proiezioni saranno pubblicate di volta in volta sul sito della casa di produzione e distribuzione Zalab e sulla pagina Facebook. C’è Georgia, ventiseienne, faceva la segretaria. Un giorno stava andando a comprarsi le scarpe, ha trovato di fronte alla stazione della sua città, Como, un accampamento improvvisato con un centinaio di migranti: era la frontiera svizzera che si era chiusa. Ha pensato di fermarsi a dare una mano. Poi ha pensato di spendere una settimana delle sue ferie per dare una mano un po’ più sostanziosa. È ancora lì. Lorena, una psicoterapeuta in pensione a Pordenone che aiuta i migranti che arrivano dalla rotta balcanica. Elena, che lavora a Bussoleno e vive ad Oulx, fra i monti dell’alta Valsusa, e Jessica, studentessa a Cosenza, sono persone molto diverse, hanno età differenti, e vengono da mondi distanti. A tutte però è successa la stessa cosa: si sono trovate di fronte, concretamente, a una situazione di marginalità e di esclusione e non si sono voltate dall’altra parte. Sono rimaste lì, dove sentivano che bisognava stare

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sanità, petizione chiede “stop all’odio contro i medici”. E in Senato si discute ddl per i reati contro il personale sanitario

next
Articolo Successivo

Aborto, la relazione del ministero della Salute in ritardo di 11 mesi. Bonino fa interrogazione: “Incidente anomalo”

next