Alcuni volantini antisemiti, firmati dai tifosi romanisti della Balduina, sono stati appesi sui muri dell’omonimo quartiere e su quelli di Prati. I manifesti riportavano la scritta: “Lazio, Napoli, Israele, stessi colori. Stesse bandiere. Merde”. Sono apparsi martedì sera in occasione della manifestazione per il 119esimo anniversario dalla nascita della Lazio in piazza del Popolo a Roma, caratterizzata dagli scontri tra forze dell’ordine e ultras biancocelesti.

L’episodio riporta al problema del razzismo nelle tifoserie di calcio, a poche settimane dagli ululati di San Siro contro il difensore del Napoli, Kalidou Koulibaly. Ma sopratutto sembra una risposta ad altri adesivi antisemiti apparsi più di un anno fa, nell’ottobre 2017, in Curva Sud: in quel caso erano stati gli ultras della Lazio ad appiccicare a un vetro dell’Olimpico adesivi con l’immagine di Anna Frank con la maglia della Roma.

“Quando il tifo diventa violenza, razzismo e antisemitismo è una sconfitta per tutti”, è il messaggio twittato dal presidente della Camera, Roberto Fico. “Sia quando succede negli stadi sia quando accade fuori – aggiunge – Gli episodi di queste ore che riguardano una parte del tifo organizzato sono davvero preoccupanti e impongono a tutti noi una riflessione”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fernando Aiuti, morto l’immunologo che si batteva per sconfiggere l’Aids e i pregiudizi

prev
Articolo Successivo

Fernando Aiuti: io e lui avversari per anni ma alleati nell’ultima battaglia sull’Aids

next