Il mito del magnetico sguardo di Monna Lisa che dà l’impressione di seguire con gli occhi chi la osserva tutto intorno, è confutato da uno studio dell’Università di Bielefeld, in Germania, pubblicato sulla rivista i-Perception. Quello che viene definito, anche a livello scientifico, in onore al capolavoro di Leonardo Da Vinci “effetto Monna Lisa”, secondo i ricercatori esiste ma ironicamente non si verifica proprio col dipinto esposto al museo Louvre di Parigi.

“Ci si può sentire come se si fosse osservati se chi è ritratto guarda dritto, cioè con un angolo di 0 gradi”, spiega il professor Gernot Horstmann, uno degli autori dello studio. Anche con uno sguardo leggermente laterale ci si potrebbe sentire osservati, ma a circa 5 gradi da una normale distanza di visione. Poi questa impressione non si ha più. “Stranamente, non dobbiamo stare davanti all’immagine per avere questa sensazione”, aggiunge infatti l’altro autore, Sebastian Loth. “L’effetto in sé è innegabile e dimostrabile – evidenzia – ma con la Gioconda non abbiamo avuto questa impressione”. È stato chiesto a 24 partecipanti di guardare il dipinto seduti davanti a uno schermo e valutare la direzione dello sguardo. Un metro pieghevole è stato posizionato tra loro e lo schermo a diverse distanze. I partecipanti hanno indicato dove lo sguardo di Monna Lisa lo ha incrociato. Per testare se le caratteristiche del volto avessero influenzato la percezione dello sguardo da parte degli spettatori, sono state utilizzate 15 diverse sezioni del ritratto. Ogni immagine è stata mostrata tre volte in ordine casuale. A metà della sessione, è stata modificata la distanza del metro dal monitor. Su più di 2000 valutazioni, quasi ogni singola misurazione ha indicato che lo sguardo di Monna Lisa non è diretto, ma al lato destro.”I partecipanti – rileva Horstmann – hanno avuto l’impressione che lo sguardo fosse rivolto alla loro destra e l’angolo di osservazione era in media di 15,4 gradi, è chiaro che ‘effetto Monna Lisa’ non è che un termine improprio“.

L’abstract su i-Perception

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stazione Spaziale Internazionale, “i batteri presenti hanno sviluppato geni diversi”

next
Articolo Successivo

Rilevato “misterioso” segnale ripetitivo di onde radio proveniente da una galassia a 1,5 miliardi di anni luce

next