Una studentessa universitaria di 19 anni è ricoverata in terapia intensiva a Padova per meningite, ma non è in pericolo di vita e sta lentamente migliorando. Ora l’attenzione si sposta sui contatti avvenuti di recente: venti persone sono state rintracciate e sottoposte a profilassi. La ragazza, residente a Lagnasco (Cuneo) ma iscritta all’università di Padova, è risultata positiva alla neisseria meningitidis, meningite da meningococco, e si trova all’ospedale Sant’Antonio. Per sapere quale ceppo abbia causato la malattia bisognerà attendere qualche giorno, fa sapere l’Ulss 6 del Veneto. “I primi sintomi con febbre elevata, cefalea, vomito, diarrea, si sono manifestati il 6 gennaio – spiega la nota -. In questi casi vanno ricercati i contatti stretti nell’ultima settimana”.

Dopo aver passato le festività natalizie a Lagnasco, la ragazza è rientrata a Padova il 31 dicembre, festeggiando il Capodanno in una casa privata di Venezia: ora tutti i partecipanti sono sotto osservazione, così come i compagni di stanza, gli amici di Padova e tutti gli operatori del pronto soccorso che l’ha presa in cura. Nessuna profilassi, invece, all’università, dove le lezioni sono sospese per le vacanze. Il Servizio di igiene pubblica padovano è disponibile per informazioni e per l’eventuale profilassi di contatti stretti.

 

 

 

 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tifoso morto, salgono a 23 gli indagati per omicidio volontario. Trovate ammaccature su una seconda auto

next
Articolo Successivo

Gallarate, cittadini divisi sullo sgombero: “Sinti chi? Non sapevo ci fosse un campo”. “Devono pagare come tutti”

next