“Non abbiamo mai amato mettere bocca su vicende di governi esteri e torvo inopportuno schierarsi a favore di un gruppo eterogeneo e complicato. Io ho visto che è stata offerta la piattaforma Rousseau. Anche questo mi sembra inopportuno. È una piattaforma nata per aiutare i parlamentari. Il Movimento si allontana dai suoi principi di base, io resto granitica. Sono i vertici che dicono cose diverse. Sono già sotto procedura per essermi astenuta dal voto al Decreto Sicurezza. Se devo essere espulsa per eccesso di coerenza significa che non c’è libertà di pensiero e opinione fra l’altro in linea con ciò che si è sempre detto. Quorum? Lotta antica, ma non è una priorità. Facciamo prima le cose che abbiamo detto, mettiamo a punto la lotta alla povertà e il reddito di cittadinanza poi potremo pensare al resto”. Così Elena Fattori in una intervista rilasciata in Senato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Carige, Hammond ed emergenza case: il governo giochi duro e andremo oltre i gilet gialli

prev
Articolo Successivo

Joe Formaggio: “Nel mio ristorante coperto di 2 euro per cani. Animalisti contrari? Se vengono li ricevo col fucile a pompa”

next