“Non abbiamo mai amato mettere bocca su vicende di governi esteri e torvo inopportuno schierarsi a favore di un gruppo eterogeneo e complicato. Io ho visto che è stata offerta la piattaforma Rousseau. Anche questo mi sembra inopportuno. È una piattaforma nata per aiutare i parlamentari. Il Movimento si allontana dai suoi principi di base, io resto granitica. Sono i vertici che dicono cose diverse. Sono già sotto procedura per essermi astenuta dal voto al Decreto Sicurezza. Se devo essere espulsa per eccesso di coerenza significa che non c’è libertà di pensiero e opinione fra l’altro in linea con ciò che si è sempre detto. Quorum? Lotta antica, ma non è una priorità. Facciamo prima le cose che abbiamo detto, mettiamo a punto la lotta alla povertà e il reddito di cittadinanza poi potremo pensare al resto”. Così Elena Fattori in una intervista rilasciata in Senato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Carige, Hammond ed emergenza case: il governo giochi duro e andremo oltre i gilet gialli

next
Articolo Successivo

Joe Formaggio: “Nel mio ristorante coperto di 2 euro per cani. Animalisti contrari? Se vengono li ricevo col fucile a pompa”

next