Per Matteo Salvini “non si può morire di calcio nel 2018”, ma resta contrario alla chiusura degli impianti e allo stop delle partite in caso di ululati razzisti e offensivi: “È molto scivoloso, rischiamo di mettere in mano a pochi il destino di tanti. Io preferisco prevenire e non lasciare potere di ricatto ad una frangia minoritaria. E poi è difficile trovare criteri oggettivi per la decisione”. Poi si dice sicuro: “Il calcio è uno sport sano, lo dicono i numeri. I feriti sono il 60% in meno, quelli tra gli genti del 50% mentre si sono azzerati tra gli steward”. Inoltre “sono scesi anche quello degli arrestati e dei Daspo“. In questo momento “sono 6.500 gli italiani sottoposti a provvedimento che li inibisce dalle presenza alle manifestazioni sportive”, ha rilanciato. Per poi rivendicare: “Non confondiamo il razzismo che è da condannare con il bello del calcio che è anche la rivalità di quartiere con toni accesi: chiusa la partita però finisce lì. Faccio appello alla buona educazione di tutti. Ma sospendere una partita, vietare una trasferta o chiudere uno stadio è la sconfitta del calcio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum propositivo, maggioranza tratta per l’introduzione quorum. Lega: ‘Necessario, per M5s non è più tabù’

next
Articolo Successivo

Referendum propositivo, Salvini: “Quorum? Deciderà il Parlamento. Su questo c’è accordo con il M5s”

next